LAVORO - AD ORVIETO UN CONVEGNO "PER NON MORIRE DI LAVORO"

<p>(UJcom) ORVIETO - Sabato 21 novembre ’09 ad Orvieto-TR, presso la Sala del Governatore, in corso Cavour si terrà il convegno nazionale "PER NON MORIRE DI LAVORO.<br />Ogni anno migliaia sono le morti per lavoro e circa un milione sono gli infortuni. Nel 2008 in Umbria i dati ufficiali riportano 16 morti di lavoro e 17.088 infortuni.<br />Questi dati da <b>guerra civile</b> sono provocati dall’inosservanza delle norme di prevenzione, dall’utilizzo di mano d’opera irregolare in nero, dai tempi di lavoro forsennato imposti dai ritmi di produzione, dalla precarizzazione dei contratti di lavoro. L’indifferenza nella società contribuisce in maniera determinante al non accertamento delle responsabilità rispetto a questi eventi.<br />Con l’attuale governo la classe padronale sta riuscendo nell’intento di riportare indietro le norme precedenti. Lo scorso Marzo il Consiglio dei Ministri ha approvato le modifiche al Testo Unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Un pacchetto di norme che attenua pesantemente l'impianto sanzionatorio precedente, riduce i casi in cui è possibile l'arresto dell'imprenditore e lo pone in alternativa alla pena pecuniaria e diminuisce tutte le ammende ora in vigore. Inoltre si tenta di scagionare l'imprenditore anche nei casi di responsabilità dello stesso spostando la responsabilità sui subalterni.<br />Chi dispone capitali da investire nell’impresa, e pertanto ne riceve i profitti sfruttando esseri umani ed ambiente, chi sceglie cosa, come, con quali mezzi e con quali tempi produrre, non può che essere il principale responsabile di tutti gli eventi che si susseguono nel processo produttivo.<br />Servono strumenti di accertamento ed ispezione molto più efficienti, ed è necessario che l’accertamento degli incidenti e delle responsabilità, si avvalga direttamente dell’intervento dei lavoratori. <br />Proponiamo:<br />la costituzione di una rete nazionale contro le morti di lavoro.<br />la costituzione di un gruppo di supporto legale a sostegno dei lavoratori e delle loro famiglie, tale da garantire le risorse necessarie per le vertenze, che quasi sempre si rivelano lunghe e complesse.<br />che le responsabilità per le morti causate da attività lavorative, vengano definite per legge "omicidio volontario" e non "omicidio colposo".<br />più poteri e tutela per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza<br />la creazione di una Procura Nazionale sulla sicurezza sul lavoro che si occupi dei reati commessi in tutta Italia.<br />Chiediamo che il Testo Unico non venga smantellato con il risultato di una pesante riduzione di pene e sanzioni, un attacco al codice civile, al codice penale e allo Statuto dei Lavoratori e chiediamo il contemporaneo allungamento dei tempi di prescrizione.<br />L’istituzione di una giornata Nazionale sulla cultura della sicurezza del lavoro nelle scuole ed iniziative per sensibilizzare i giovani, lavoratori di domani, su questo tema fondamentale.<br />che il Governo impieghi almeno il 50% dei fondi incassati dalle ASL per sanzioni in materia di sicurezza sul lavoro per assumere e addestrare tecnici della prevenzione.<br />l’erogazione di un contributo economico garantito per legge ai giovani, ai precari, ai lavoratori disoccupati o licenziati o ai migranti, spesso costretti al lavoro coatto e nero. <br />Invitiamo all’iniziativa le forze sociali e politiche e tutti coloro che ritengano sia necessaria e non rinviabile una battaglia politica e sociale contro il criminale fenomeno degli incidenti sul lavoro.<br />Per discutere le nostre proposte e lanciare campagne e forme di mobilitazione e di lotta, per modificare radicalmente il quadro fosco di lavoro nero, irregolare, al limite dello schiavismo, in cui oggi tanti sono sfruttati e ricattati.<br /> <br /> <br /> <br />PROGRAMMA.<br />Sabato 21 novembre – <br />Sala del Governatore, corso Cavour – Orvieto<br />Ore 9.30-13.30 Relazione introduttiva della rete umbra per non morire di lavoro<br />Lorena Coletti, Terni, Comitato Giuseppe Coletti<br />Vincenzo Diano, Ravenna, Rete Nazionale per la Sicurezza sul Lavoro<br />Marina Biggiero, Patto di Base – Cobas-RdB-CUB-SdL<br />Un rappresentante del Comitato " 29 giugno" di Viareggio"<br />Dante De Angelis, Ferroviere<br />Marco Spezia, consulente sicurezza sul lavoro, autore di un'analisi comparativa della normativa sulla sicurezza sul lavoro in Italia ed in Europa<br />Marco Vitelli, Ispettore del lavoro<br />un rappresentante della rete nazionale nomortilavoro<br />Un rappresentante di Taranto - Rete Nazionale per la Sicurezza sul Lavoro<br />Un rappresentante, Istituto tumori di Milano - Rete Nazionale per la Sicurezza sul Lavoro<br />Luigi Sicilia, Medico del lavoro<br />Un rappresentante di Roma, Comitato 5 Aprile - Rete Nazionale per la Sicurezza sul Lavoro<br />Un Avvocato del lavoro<br />Assemblea plenaria.<br />Ore 14.30-16.30 Divisione in gruppi di lavoro<br />Ore 16.30-17.00 Relazione dei gruppi<br />Ore 17.00-17.30 Proposte di iniziative, conclusioni<br />Ore 18.00 Affissione di una targa commemorativa sui morti di lavoro <br />Per chi ne avesse necessità sarà possibile pernottare presso IL CERQUOSINO, località San Faustino 22, Morrano Orvieto al costo di 10 € a persona. Durante l’iniziativa sarà organizzato uno spuntino.<br />Per info e prenotazioni contattare Mirko 329 0706607 o <a href="mailto:reteumbrapernonmoriredilavoro@yahoo.it">reteumbrapernonmoriredilavoro@yahoo.it</a></p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*