L'ABBRACCIO DI TERNI AI GIOVANI MORTI IN VIA ALFONSINE

<p>post <b>L. Pioppi </b>UJcom2.0 <b><a title="Scrivi a Luana Pioppi" href="mailto:luanapioppi@alice.it" target="_blank"><span style="color: #006699;">@</span></a> </b>(UJ.com) TERNI - Lacrime, biglietti e bandiere a mezza asta a palazzo Spada a simboleggiare il lutto di un'intera <b>comunità </b>per i tre ragazzi morti in via Alfonsine. I due rimasti feriti migliorano sensibilmente. E' un pellegrinaggio continuo di giorno e di notte in via Alfonsine. Arrivano giovani, anziani, occhi lucidi, un mazzo di fiori, la maglia della squadra del cuore e tanti biglietti. Un lucchetto chiuso per un amore eterno che mai si spezzerà. I ragazzi di Cospea hanno tappezzato le vie di striscioni dove ricordano i loro amici. Si stanno anche organizzando per intervenire durante il rito funebre che non si sa ancora se sarà celebrato martedì o mercoledì. Nell'occasione sarà proclamato il lutto cittadino.</p>
<p>I ragazzi sono morti bruciati alle ore 2,20 della notte tra giovedì e venerdì. I tre giovani di 16, 18 e 19 anni, erano rimasti intrappolati sui sedili posteriori di una Punto a metano che si è incendiata dopo uno scontro con un'altra vettura e contro un grosso albero. Una palla di fuoco che ha impedito ai tre giovani passeggeri che sedevano sul sedile posteriore una <b>qualsiasi </b>fuga. Sono morti carbonizzati. Gli altri due ragazzi (alla guida un neopatentato, T.B.) con l'altro davanti come passeggero, sono rimasti gravemente ustionati (uno è ricoverato al centro grandi ustionati di Cesena), ma si sono salvati. Nel terribile incidente è rimasta ferita e sotto choc, una donna conducente di una Panda urtata dalla Punto che è poi finita sul lato opposto della strada, contro un albero. Non è stata ancora stabilita la data dei funerali: forse martedì o mercoledì quando il magistrato avrà disposto o meno sull'autopsia. Se i funerali dovessero essere celebrati insieme e non nella parrocchia di San Giuseppe Liberatore, potrebbero essere in Duomo.</p>
<p> </p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*