INIZIATIVE - HA CHIUSO I BATTENTI LA 15ESIMA EDIZIONE DI UMBRIALIBRI

<p>di <b>Luana Pioppi</b><br />(UJcom) PERUGIA - Ha chiuso i battenti la 15esima edizione di Umbrialibri, manifestazione culturale ideata e organizzata dalla <b>Regione Umbria</b>, Servizio Attività Culturali, in programma dall'11 al 15 novembre. Tema di quest'anno è stata la "terra", per sottolineare l’importanza e l’urgenza di riflettere insieme sul destino del pianeta che abitiamo. <br /><br />Il programma, era composto da oltre 130 appuntamenti, tutti gratuiti. Si è trattato di lezioni magistrali, incontri con scrittori, presentazioni di libri, conferenze, tavole rotonde, mostre d’arte, <b>spettacoli musicali</b> e teatrali, letture, seminari, mostra/mercato dell’editoria umbra e giochi di scrittura e lettura per le scuole. Le iniziative dei 5 giorni di festival sono state ospitate in 24 luoghi diversi della città: prestigiosi palazzi, antiche chiese, teatri, musei, sale pubbliche, librerie e caffetterie. A questo sono state aggiunte altre 3 sedi per le “trasferte” fuori Perugia che si sono svolte a Gubbio e Magione. <br /><br />Tra gli eventi di maggiore spicco c'è stata la presentazione dell'ultimo lavoro del politico e giornalista, il ternano <b>Alberto Provantini</b>. Titolo del volume "Cari compagni… fraterni saluti"… le parole che aprivano e chiudevano ogni lettera del Pci-Pds-Ds. Il libro è stato presentato sabato pomeriggio, presso il salone d’Onore di palazzo Donini a Perugia, in occasione di “Umbrialibri 2009”. Erano presenti all’evento, oltre all’autore, anche Maria Rita Lorenzetti, presidente della Regione Umbria, Germano Marri, presidente della Fondazione Accademia di Belle Arti "Pietro Vannucci", e dello storico Giuseppe Vacca. Ha coordinato l’iniziativa Giuliano Giubilei che ha elencato i tratti peculiari del libro. <br /><br /><b>"Cari compagni… fraterni saluti"</b> racconta mezzo secolo di vita della sinistra. Da Roma a Firenze, dall’VIII Congresso del Pci del 1956 al IV Congresso dei Ds dell 2006 fino alle Primarie del Pd. Parla di 50 anni di impegno politico che, lo stesso Provantini, ci ha messo ricoprendo il ruolo di Deputato al Parlamenti, Vice presidente della Commissione Attività Produttive della Camera per due legislature, consigliere ed assessore della Regione Umbria e presidente della Provincia di Terni. <br /><br />E’ un racconto di un viaggio lungo nel tempo, di – come l'ha definita Vacca – "una storia collettiva che cerca di prendere in mano il proprio destino nella costrizione della democrazia". Nel libro vengono <b>riportati fatti vissuti</b> e i personaggi che ne hanno fatto parte: dai dirigenti politici, agli intellettuali, ai giornalisti, agli artisti, agli industriali, agli artigiani fino agli operai. Trecento pagine che parlano dell’Italia degli ultimi 50 anni a 360 gradi partendo dalla lunga notte della Prima Repubblica fino alla fine dei partiti che hanno scritto la Costituzione.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*