Gli amici a 4zampe, comprenderli per amarli

(UJ.com) PERUGIA - L'educazione al rispetto degli animali, soggetti socialmente "deboli" per definizione, dei loro diritti e delle loro caratteristiche etologiche. E’ questo lo scopo del progetto "I nostri Amici Animali - Comprenderli per Amarli" organizzato dal Servizio Organizzazione Formazione e Comunicazione Sportello a 4 zampe della Provincia di Perugia. Visto il successo avuto l’anno passato l’Ente ha deciso di riproporre l’esperienza all’interno di Circoli Didattici e Istituti della provincia. L’iniziativa verrà realizzato durante l'anno scolastico 2008-2009 e si svilupperà in un unico intervento didattico - formativo di 2 ore, da tenersi presso le scuole o strutture messe a disposizione dalla Provincia (es. Sportello del Cittadino). Tale intervento è finalizzato alla diffusione della conoscenza del mondo animale e dei suoi diritti, nel pieno arricchimento delle esperienze sensoriali, emozionali e sociali dei bambini. “Da anni la Provincia di Perugia ha istituito lo Sportello a 4 zampe – spiega una nota del Servizio Formazione e Comunicazione - dedicato interamente agli animali, che opera per sensibilizzare le istituzioni, le associazioni, gli organismi pubblici e privati e tutti i cittadini su temi concernenti il mondo degli animali, il loro benessere, la loro tutela e la convivenza urbana. Per quanto riguarda il prossimo anno scolastico le finalità del progetto "I nostri Amici Animali - Comprenderli per Amarli" saranno incentrate nel: creare consapevolezza sui diritti, doveri e responsabilità (individuali e collettivi) nei riguardi degli animali; aiutare a riconoscere e prevenire l'abuso e lo sfruttamento degli animali; favorire il rapporto con gli animali e la natura attraverso il processo di arricchimento culturale; sviluppare nei giovani una cultura dell'impegno concreto per il rispetto dei diritti di tutti gli esseri viventi, favorendo l'assunzione di atteggiamenti e comportamenti personali adeguati; fornire agli insegnanti elementi di conoscenza e documentazione ad  uso didattico sulle tematiche specifiche”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*