ENTRO LA METÀ DI NOVEMBRE VERRÀ EMANATO IL REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI ALLE 'FAMIGLIE VULNERABILI', PER EVITARE CHE CADANO IN POVERTÀ”

<p>post <b>M. Zingales</b> UJ.com2.0 <a target="_blank" title="Scrivi a Morena Zingales" href="mailto:morenazingales@gmail.com"><span style="color: #c00000;">@</span></a> (UJ.com) PERUGIA - “Gli interventi previsti dalla legge 13 del 2010 in favore delle 'famiglie vulnerabili', che si trovano cioè in una situazione al limite con la povertà e rischiano di scivolarci, verranno erogati presto: il regolamento attuativo, che indicherà priorità e modalità di intervento, verrà pubblicato entro la prima metà di novembre. Stiamo approfondendo con i Comuni alcuni dettagli tecnici relativi alle fasce dell'Isee (Indicatore della situazione economica equivalente) per evitare sovrapposizioni negli interventi di sostegno”. Lo ha detto, <b>rispondendo</b> all'interrogazione di Maria Rosi (Pdl), l'assessore alle politiche sociali Carla Casciari. Nel question time il consigliere del Pdl chiedeva spiegazioni circa l'emanazione “dei regolamenti attuativi necessario per sbloccare i 3 milioni di euro destinati alle famiglie e i 100 mila euro destinati ai Comuni per il progetto ‘a misura di famiglia' ed alle associazioni familiari (legge regionale n. 13/2010)”.</p>
<p> </p>
<p>L'assessore Casciari ha chiarito che nella prima metà del prossime mese verranno emanati i regolamenti che renderanno disponibili 100 mila euro (a sostegno della sussidiarietà orizzontale) per l'associazionismo familiare, la banca del tempo, e i progetti di coordinamento dei tempi delle città in collaborazione con le Amministrazioni locali. E 3 milioni di euro per il sostegno alle 'famiglie vulnerabili', quelle che non si <b>trovano</b> al di sotto della soglia di povertà ma che potrebbero cadere in questa condizione a causa di eventi imprevisti, e che vengono messe in condizione di scegliere il quale tipo di intervento di cui avvalersi. Maria Rosi si è detta “poco soddisfatta” della risposta ottenuta ed ha auspicato che gli interventi in favore delle famiglie in difficoltà possano essere attuati nel più breve tempo possibile.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*