Energie alternative – Bertini “Un tetto, un pannello”

<p>post <a target="_blank" href="mailto:mili.wieczorek79@gmail.com">@</a> <b><span style="color: #000000;">M.Wieczorek</span></b> (UJ.com) PERUGIA - La Provincia lancia una campagna a favore dello sviluppo del fotovoltaico nel privato.  “Un tetto un<b> pannello</b>” è questo l’obbiettivo di una campagna di sensibilizzazione verso il fotovoltaico di privati e famiglie, che l’assessore provinciale all’ambiente Roberto Bertini, ha intenzione di sostenere come ente. “Costruire centrali fotovoltaiche è una possibilità da prendere in seria considerazione – afferma Bertini – ma a volte questo implica problemi di carattere ambientale.</p>
<p> </p>
<p>La vastità delle aree da impegnare possono disturbare la bellezza del nostro paesaggio. Per questo lo sviluppo di questa fondamentale fonte <b>energetica </b>alternativa, non può essere lasciata solo a questa opzione. Occorre individuare delle nuove possibilità di utilizzo delle energie rinnovabili. Do alcuni dati per capire la portata di questa proposta. La superficie occupata dai tetti delle sole aziende nel nostro territorio è stimata in circa 2 mila ettari. Due ettari di pannelli produce un mega di energia e consente un risparmio in 25 anni, di 6.800 tonnellate di petrolio, 16500 tonnellate di anidride carbonica, 435 tonnellate di biossido di zolfo e 590 tonnellate di biossido di azoto.</p>
<p> </p>
<p>Pensate quale beneficio per la nostra salute e per la <b>salvaguardia</b> del nostro ambiente sarebbe occupare, anche una minima parte della superficie disponibile, con pannelli fotovoltaici. A questo scopo occorrerebbe aprire un tavolo provinciale con tutti i soggetti economici e sociali interessati. Un tavolo che si potrebbe concludere con la stipula di una specifica convenzione tra le istituzioni (Regione, Provincia e Comuni) le organizzazioni imprenditoriali e dei consumatori, i produttori e gli installatori di pannelli, per favorire questo processo, garantire la professionalità delle imprese e, cosa sempre gradita all’utenza, poter avere una possibilità di risparmio”.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*