Elio e le Storie tese al Villalago Makes Music Festival

(UJ.com) TERNI - Un folto e divertito pubblico ha accolto le fantasiose performance musicali di Elio e le Storie Tese, giunti ieri sera a Piediluco, in provincia di Terni, per  la serata <b>d’apertura</b> della VI edizione di Villalago Makes Music Festival.<br /><br />Un avvio di grande effetto che ha coinvolto tutti i presenti ed ha subito dato un’impronta energica alla prestigiosa rassegna estiva umbra. Elio, Faso, Rocco, Cesareo e compagni (tra cui la strepitosa vocalist Paola Folli, l’  “elegante” Jantoman, il sempre pirotecnico <b>Mangoni</b> e gli straordinari Davide Ghidoni, alla tromba  e Daniele Comoglio al sassofono) salendo  sul palco di  Villalago si sono confermati gli eccellenti musicisti e i trascinanti entertainers che tutti conosciamo, dando vita ad uno spettacolo intelligente, autoironico e di imperdibile qualità musicale.<br /><br />Si prosegue domani sera con un duo d’eccezione che saprà incantare esperti e neofiti, appassionati di jazz,  amanti di classica ed i cultori della più raffinata ricerca musicale: PAOLO <b>FRESU</b> e URI <b>CAINE</b>.Uri Caine, pianista e compositore jazz, uno dei grandi del pianoforte jazz mondiale, è noto per le sue visionarie rivisitazioni di repertori classici, un lavoro iniziato con un omaggio a Gustav Mahler e proseguito con i Lieder di Robert Schumann e le Variazioni Golberg di Johann Sebastian Bach, che gli hanno assicurato uno straordinario successo. Per i suoi percorsi di ricerca musicale ha sempre scelto organici variabili in grado di confrontare musicalità diverse, dalla tradizione classica al jazz, all'elettronica, dal klezmer, al rock. Non sorprende, dunque, l’incontro con uno dei più celebri trombettisti italiani, Paolo Fresu, musicista altrettanto attento ai diversi suoni del contemporaneo. Il dialogo tra i due è basato sull’interpretazione personale di alcuni standard “pericolosi” della storia jazzistica: brani di altissimo valore qualitativo e, già sulla carta, capaci di incuriosire ed affascinare anche il più lontano e tiepido appassionato.Dopo una serie di concerti, nell’estate 2006 Fresu e Caine hanno pubblicato il cd Things, per l’etichetta Blue Note, dedicato ad una rilettura di alcuni brani divenuti classici del jazz, dimostrando quanto sia possibile rinnovare alcune tra le pagine più famose del jazz, tra ammalianti ballads ed invenzioni ritmiche. Il duo si appresta a registrare un nuovo lavoro discografico che vedrà la luce a cavallo tra il 2008 e il 2009.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*