EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA: “LO STUDENTE SEMPRE PIÙ CITTADINO ATTIVO”

<p>post <b><span style="color: #000000;">M. Zingales</span> <a target="_blank" title="Scrivi a Morena Zingales" href="mailto:morenazingales@gmail.com">@</a></b> (UJ.com) PERUGIA -  Con la visita all'istituto tecnico industriale 'A.Volta' di Perugia, ha preso il via stamani il programma contenuto nel progetto di "Educazione della cittadinanza nelle scuole", promosso dal Consiglio regionale dell'Umbria, con il quale la Commissione speciale per le Riforme statutarie e regolamentari, come ha spiegato lo stesso presidente Andrea Smacchi, "intende far conoscere ai più giovani il funzionamento e le ‘regole' dell'ente Regione quale contributo all'esercizio del ‘difficile mestiere di cittadino".</p>
<p> </p>
<p>"Lo studente deve essere sempre più un cittadino attivo" - ha sottolineato nel suo saluto iniziale la dirigente scolastica, Rita Coccia che ha rimarcato come lo studente "deve ampliare le sue conoscenze, ragionare e farsi una propria idea per diventare autonomo attraverso il suo pensiero. Senza <b>conoscenza</b> difficilmente si potrà avere un pensiero critico". Di fronte alle seconde classi dell'Istituto, oltre al presidente della Commissione hanno preso posto anche i consiglieri regionali: Maria Rosi (PdL), Massimo Buconi (Socialisti e Riformisti), Orfeo Goracci (Prc-Fed.Sin.) e Gianluca Cirignoni (Lega nord). "Il nostro auspicio - ha rimarcato Smacchi rivolto agli studenti - è che questo possa diventare e rimanere un incontro interessante, ma anche divertente e propositivo. Per dare speranze alle nuove generazioni - ha detto - è importante ascoltarle e starle vicino".</p>
<p> </p>
<p>Dopo aver ricordato che nel prossimo mese di maggio, verranno festeggiati i 40 anni dello Statuto regionale, Smacchi, con l'ausilio di numerose slide, ha spiegato la storia delle Regioni, la differenza tra quelle a Statuto ordinario e speciale prima di soffermarsi, in maniera particolare, sulla <b>strutturazione </b>di quella umbra, per la quale è stato proiettato un filmato realizzato lo scorso anno in occasione dei festeggiamenti per il quarantennale della Regione. Prima di lasciare la parola agli studenti, anche gli altri consiglieri presenti hanno portato il loro saluto sottolineando la valenza culturale e civica dell'incontro.</p>
<p> </p>
<p>Particolarmente impegnativi i quesiti proposti dai ragazzi ai componenti della Commissione Statuto: coppie di fatto; federalismo; <b>disoccupazione</b> giovanile; privatizzazione dell'acqua. Questo primo incontro con le scuole, come i prossimi che la Commissione Statuto avrà sia a Palazzo Cesaroni che fuori sede, sono organizzati dal Servizio Comunicazione del Consiglio regionale diretto da Simonetta Silvestri, presente anch'essa all'incontro di stamani.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*