ECONOMIA - LA BPS APRE IL SUO SESTO SPORTELLO ROMANO

<p>(UJ.com) SPOLETO - Sesto sportello romano e ottavo nella provincia di Roma per la Banca Popolare di Spoleto, che ieri pomeriggio ha inaugurato l’agenzia di Via Soana 24 (angolo con Piazza Tuscolo) a pochi passi dalla storica piazza di San Giovanni in Laterano, alla presenza del Prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro, il Presidente nazionale INPDAP Avv. <b>Paolo Crescimbeni</b>, il Sottosegretario all’Economia e Finanze Dott. Alberto Giorgetti, il Questore della Camera dei Deputati Avv.Antonio Mazzocchi, l’Onorevole Italo Tanoni, Mons. Giuseppe Costanzo, il Presidente della Commissione Tributaria del Lazio Antonio Colucci, il Capo Segreteria del Comune di Roma Antonio Lucarelli, il Presidente della Federazione Pugilistica Italiana Franco Falcinelli con il Segretario Generale Alberto Tappa.<br /><br />Bps raggiunge così quota 106 punti operativi, incrementando la sua presenza nella capitale per sottolineare come Roma, pur nella sua vastità, rappresenti un territorio vicino ai valori e alla mission che l’Istituto intende trasmettere ai propri clienti, non solo per essere un punto di riferimento per gli umbri naturalizzati romani, ma anche per tutti quei romani che cercano una banca innovativa e territoriale al tempo stesso, una banca dagli ideali tradizionali sposati da Bps: <b>centralità delle persone</b> e delle relazioni, localismo e sviluppo del territorio, autonomia, trasparenza, vicinanza e dialogo con famiglie ed imprese, attenzione e promozione nei confronti delle iniziative di responsabilità sociale. <br /><br />“La nostra territorialità va oltre la crescente presente nelle piccole città, ma è il punto di forza per emergere anche in realtà vaste ed importanti come Roma – dichiara il Presidente Giovanni Antonini -, perché ovunque c’è bisogno di poter contare su una Banca che possa offrire quell’attenzione quotidiana di cui ha bisogno il cliente”. <br />Per il Direttore Generale Alfredo Pallini “crescere a Roma è il segno di continuità dello sviluppo di BPS in relazione al piano industriale e alla nostra capacità di poter crescere in modo consapevole e coerente in tutto il territorio di riferimento, mantenendo uno stretto contatto tra le esigenze della Banca e quelle della trasparenza e fiducia nei confronti dei clienti che ci hanno scelto e che ci sceglieranno”.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*