ECONOMIA - COOP UMBRIA CASA ILLUSTRA IN UN LIBRO 25 ANNI DI ATTIVITÀ

<p>(UJ.com) PERUGIA - Venticinque anni di attività per Coop Umbria Casa. Un traguardo importante per una cooperativa nata nel 1984 su iniziativa dell’associazione regionale delle cooperative di abitazione Arcab/Lega per far convergere le esperienze di tante piccole aziende in una nuova impresa. Un’azienda capace di far diventare protagonista il sistema cooperativo nei nuovi filoni di attività: dal recupero del costruito alla progettazione, dalla realizzazione di piani urbani complessi all’esperienza della proprietà indivisa all’affitto. Obiettivi, valori, traguardi, progetti, dati e aspettative future di questo quarto mezzo secolo di vita raccontati per l’occasione in un volume “Coop Umbria Casa 25 anni di attività”, presentato venerdì 27 novembre, al Teatro Subasio a Spello, da Paolo Bocci e Angelo Ammenti, rispettivamente presidente e vicepresidente di Coop Umbria Casa.</p>
<p>Un appuntamento importante, anche e soprattutto in questo momento di crisi economica, per tutti i soci della cooperativa, al quale hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco di Spello, Sandro Vitali, Damiano Stufara, assessore alle politiche abitative della Regione Umbria, e Catiuscia Marini, direttore di Legacoop Umbria.</p>
<p>“I soci sono l’elemento cardine di una vera cooperativa – ha sottolineato Paolo Bocci -, che nasce e sviluppa la propria attività per dare risposte di qualità a prezzi convenienti ai bisogni della compagine sociale. Il  nostro lavoro consiste nel dare risposte alle differenti esigenze abitative espresse dai soci, diversificando le tipologie di intervento e quindi assegnando case in proprietà, con patto di futura vendita, in locazione sia nella forma ‘tradizionale’ che con possibilità di ‘riscatto’ della proprietà nel tempo. C’è da sottolineare, inoltre, che in questo periodo, dominato dalla crisi, emergono nuove aspettative rispetto a pochi anni fa: la locazione con riscatto finale della proprietà, infatti, oggi è una formula molto richiesta”.</p>
<p>E proprio per i soci è stato realizzato questo volume perché da sempre Coop Umbria Casa mira a dare risposte trasparenti e chiare fornendo i dati della propria attività. E la presentazione del volume è stata anche l’occasione per illustrare il bilancio sociale 2008: fino al 31.12.08 i soci iscritti erano 4.968 (numero che nel corso dei mesi è cresciuto superando la soglia delle 5.000 unità), di cui il 75 per cento aveva richiesto una nuova costruzione e oltre un terzo riteneva di dover chiedere un mutuo, 1.709 gli alloggi realizzati di cui 1.638 assegnati per un giro di affari di oltre 12 milioni di euro annui.</p>
<p>“I cardini principali della nostra azione sono la soddisfazione del socio, l’innovazione e la trasparenza, la politica dei prezzi e del lavoro, la sostenibilità ambientale e la riduzione dei consumi – ha ricordato Angelo Ammenti -. Noi siamo riusciti, grazie al rapporto consolidato con gli utenti e alla capacità di intuire anzitempo cosa influisce il mercato, a realizzare abitazioni in grado di abbattere i consumi energetici e l’emissione di Co2 nell’aria. Stiamo progettando e realizzando degli alloggi, infatti, che permettono un risparmio del 20 per cento almeno rispetto ai limiti imposti dalla legge, che vengono riscaldati e raffrescati con la geotermia”.</p>
<p>Coop Umbria Casa dal 1994, inoltre, ogni anno destina al Fondo di solidarietà e mutualità sociale una quota massima del 7 per cento degli utili d’esercizio al fine di finanziare operazioni di mutualità a favore dei soci o di solidarietà a favore di iniziative sociali ed umanitarie promosse sia dalla cooperativa che da altri enti senza fine di lucro. Dal  1995 al 2008 l’ammontare complessivo delle operazioni finanziate con il Fondo sono state  pari a 590.427,72 euro. L’assemblea dei soci, che si è tenuta a maggio 2009, ha deliberato di finanziare le borse di studio, del valore di 1.000 euro ciascuna, ai figli dei soci che si distinguono per merito durante il loro percorso di studi, l’acquisto di un automezzo abilitato al trasporto di persone non autosufficienti a favore dell’Aism (Associazione italiana sclerosi multipla) e la piantumazione di alberi in varie località della Regione.</p>
<p>Dopo la presentazione del volume, infine, sono state consegnate 6 borse di studio e 31 targhe ricordo ad amministratori, dipendenti e soci fondatori di Coop Umbria Casa.</p>
<p> </p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*