E’ NATA LA FONDAZIONE BOCCARDINI – PROMUOVERÀ IL MONDO DELLA CULTURA E DELL’ARTE

<p>post <b>L. Pioppi </b>UJcom2.0 <b><a title="Scrivi a Luana Pioppi" href="mailto:luanapioppi@alice.it" target="_blank"><span style="color: #006699;">@</span></a> </b>(UJ.com) PERUGIA - E' nata la Fondazione Boccardini. Un nuovo e moderno strumento che vuole proporre e realizzare, nell'ambito del territorio regionale, nazionale ed internazionale, la <b>promozione</b>, la ricerca e la formazione delle attività culturali e delle opere intellettuali ed artistiche in ogni loro forma ed espressione. Un'attività che sarà rivolta anche al sociale ed all'integrazione tra culture. Un'iniziativa ambiziosa del maestro Luciano Boccardini e di suoi estimatori e collaboratori che non ha scopo di lucro e che si pone come una sorta di riferimento per il mondo della cultura, del sapere e della conoscenza nell'ambito dell'arte e delle sue manifestazioni.</p>
<p> </p>
<p><a target="_blank" title="Guarda video su YouTube" href="http://www.youtube.com/watch?v=xnmqJYPKVO0"><img style="border: 1px solid black; float: left; margin: 2px;" src="http://www.umbriajournal.com/MediaCenter/API/Risorse/StreamRisorsa.aspx?guid=80C60FAC-9853-4C3F-9B75-6586FBCD56D2" border="0" /></a>Tra le attività, la Fondazione Boccardini di propone di ‘promuovere ed organizzare mostre, seminari, manifestazioni, convegni, incontri, procedendo, eventualmente, anche alla pubblicazione dei relativi atti o documenti; promuovere studi relativi alla storia ed alla critica della pittura, scultura, e dell'arte e svolgere manifestazioni di particolare interesse storico, artistico, culturale e sociale <b>legate </b>anche agli usi ed alle tradizioni delle comunità locali. Inoltre, si pone come punto di riferimento per organizzare dibattiti culturali, convegni, pubblicare riviste o libri nel campo della cultura e dell'arte; informare ed intrattenere rapporti con grandi musei ed enti per la diffusione dell'opera ed il perseguimento delle finalità e degli scopi della Fondazione nonché realizzare progetti volti a favorire la collaborazione transfrontaliera nella creazione e realizzazione di attività artistiche, culturali, didattiche e sociali. Proprio in questi giorni in cui la Fondazione muove i suoi primi passi, Boccardini si prepara a presentare il libro sulla sua vita, il suo pensiero e la sua opera.</p>
<p> </p>
<p>L'incontro è in programma per il prossimo 12 novembre al Caffè di Perugia, alle ore 17.30. Boccardini, che in Umbria ha ricevuto insegnamenti di importanti maestri come Scaramucci, Dottori e Checchi, ha rivelato nel corso di più trenta anni di lavori versatilità e duttilità artistica che lo hanno portato a proporre diverse forme e stili, spaziando nell'ambito del surrealismo dal figurativo, all'astratto, <b>attraverso </b>l'iperrealismo e la geometria delle forme e dei colori. Un artista dai tanti volti e dalle tante contraddizioni la cui leggenda artistica inizia negli anni settanta con il figurativo classico nel suo stile che incuriosisce importanti personalità artistiche. Passando agli anni '80, Boccardini intraprende una clamorosa inversione di tendenza che spiazza i critici, affascinato da Picasso, Kandiinskij, Mirò, Klee e Klimt. Una rielaborazione che lo porta ad una forma di pittura ‘vintage'.</p>
<p> </p>
<p>Fino agli anni '90, caratterizzati dal desiderio dell'artista di spingersi indietro e fonde il figurativo degli anni '70 con il surrealismo informale degli anni '80. ‘Una nuova sorprendente emozione'. "Ho sofferto parecchio - dice Boccardini - nel mio lungo percorso di trent'anni, nel corso dei quali sono approdato ad un surrealismo ‘materico e graffiato'. Un codice segnico che mi fa entrare <b>dentro </b>la materia, partendo dai ricordi". Opere dell'artista si trovano presso la Galleria d'arte contemporanea di Madrid, la Galleria d'arte Moderna di Stoccarda, La Modern art Gallery di New York, il museo di arte moderna di Roma, il Museo di arte contemporanea di Mosca. Luciano Boccardini è nato a Roma. Maestro d'arte è approdato a Foligno e a Pierantonio di Umbertide dove attualmente ha lo studio.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*