DANILO REA "tributo a Fabrizio De Andrè", sabato 12 marzo a Todi per Cittaslow in Festival

<p>di <b>Maurizio Quattrini</b> post <b>Sellier</b> (UJ.com) TODI - Nuovo appuntamento sabato 12 marzo, per Cittaslow in festival a Todi nella splendida Sala dell'Arengo con il concerto di Danilo Rea che presenterà il suo "Tributo a Fabrizio De Andrè" La Cittaslow ospite è Bra. <br />Danilo Rea,recente vincitore del Top Jazz,come miglior pianista del 2010,è stato recentemente definito da Thomas Conrad, importante critico della rivista American Jazztimes, uno dei pianisti più talentuosi a livello <b>internazionale</b>. Non a caso la sua carriera vanta collaborazioni illustri in Europa con jazzisti americani come Chet Baker, Lee Konitz, Steve Grossman, Michael Brecker, Billy Cobham, Gato Barbieri, Joe Lovano, Kenny Wheeler, John Scofield. Danilo Rea riesce ad attirare l'attenzione degli ascoltatori soprattutto grazie alla grande versatilità e all'apertura musicale. Dopo gli studi di pianoforte classico al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma e l'esperienza come musicista nel mondo del progressive rock, Danilo debutta nel mondo del jazz con il "Trio di Roma" nel 1975, raggiungendo la notorietà internazionale. Inoltre la sua musica è ricca di sorprendenti momenti di improvvisazione di grande lirismo che gli sono valsi l'accostamento al grande Keith Jarrett.</p>
<p> </p>
<p>Tuttavia, a differenza della star americana, Rea trae la propria ispirazione dalla tradizione musicale della sua terra di origine, dai classici e dal pop italiano, piuttosto che dal "Great American Songbook". E quindi non sorprende che in Italia egli venga considerato come il grande poeta tra i musicisti di jazz e che sia diventato famoso suonando con molti cantautori e cantanti come Claudio <b>Baglioni</b>, Domenico Modugno, Gianni Morandi, Pino Daniele e Mina. Ora entrambi i mondi, quello del jazz e quello della canzone d'autore, si fondono magicamente in questo album da solista per l'etichetta ACT, registrato nel lussuoso Castello Elmau, fascinoso angolo nelle Alpi che ha ispirato importanti artisti in numerosi momenti musicali.</p>
<p> </p>
<p>"A Tribute to Fabrizio De Andrè" è il titolo dell'album interamente dedicato al cantautore genovese che morì prematuramente nel 1999 e che divenne famoso grazie alle innumerevoli canzoni che spesso riguardavano i soggetti marginali e i dimenticati della società, con testi che oggi trovano posto nei libri scolastici.Spogliate dal significato effettivo della parola, le canzoni di De Andrè diventano l'ideale ispirazione per la grande forza creativa di Rea che qui si muove fra brani <b>intramontabili</b> come "Bocca di Rosa"e "La Canzone di Marinella", intense ballate struggenti ("Caro Amore", "La Stagione del tuo Amore"), al blues e allo swing sincopato ("La Ballata Dell'Amore Cieco") per arrivare persino a passaggi di puro free jazz ("Girotondo"). Ne scaturisce un magnifico tributo alle canzoni di De André traboccante di melodia e di tecnica straordinaria, un lavoro del tutto personale e originale. "A Tribute to Fabrizio De André" offre l'opportunità al mondo di conoscere due dei più importanti artisti italiani: Danilo Rea e Fabrizio De Andrè.</p>
<p> </p>
<p> </p>
<p><b>Cittaslow ospite</b>: BRA (CN) Chef: Antonio Petti con questo menù:Antipasto: Acciughe sotto sale al verde, salsiccia di Bra, tomino con pesto alle nocciole.,Flan di cardi e tapinambur con bagna cauda. <br />Primo piatto: Ravioli alla contadina con cavoli e riso .Secondo piatto: Cinghiale al sivè con contorno.Plateau di formaggi con miele .Dessert: Bunet della nonna <br />Vini: Dolcetto d'Alba - Barbera d'Alba - Moscato<br />Info e prenotazioni:<br />0763 343302<br />www.cittaslowinfestival.it info@cittaslowinfestival.it<br />www.cramst.it info@cramst.it<br />Tutte le cene sono con servizio al tavolo <br />con inizio puntuale alle ore 20.30 <br />cui seguirà il concerto del gruppo previsto dalle <br />ore 22.30<br />I menù saranno costituiti da: antipasto, primo piatto, secondo piatto, contorno, dessert, caffè , vini ed acqua minerale. <br />Costo a persona cena e concerto 40 euro. <br />Per chi prenota almeno 5 serate, per i soci slow food e soci fisar il prezzo è di € 35,00</p>
<p>Possibilità di soggiorno direttamente presso il country resort and restaurant laPenisola <br />Prezzo per persona in camera doppia: un concerto (comprensivo di cena) e un pernottamento (con prima colazione) a partire da 80 euro. <br />Supplemento per camera doppia uso singola 20 euro.<br />Ogni giorno in più con sistemazione in mezza pensione, a partire da 58 euro.</p>
<p> </p>
<hr />
<p> </p>
<p><b>DANILO REA</b></p>
<p>Danilo Rea (Vicenza, 1957) è un pianista jazz italiano. Trasferitosi a Roma sin da piccolo, consegue il diploma di pianoforte al Conservatorio di Santa Cecilia, debuttando nel 1975 nella musica jazz con il Trio di Roma (Enzo Pietropaoli e Roberto Gatto). Si fa strada nell'ambiente jazzistico sino a suonare con alcuni tra i più grandi solisti statunitensi, come Chet Baker, Lee Konitz, John Scofield, Joe Lovano. Nel 1989 partecipa al lavoro di Roberto De Simone, Requiem per Pier Paolo Pasolini, <b>rappresentato</b> al teatro San Carlo di Napoli per la direzione di Zoltan Pesko; nello stesso anno pubblica assieme a Roberto Gatto il disco Improvvisi. Nel 1997 dà vita, con il contrabbassista Enzo Pietropaoli e il batterista Fabrizio Sferra ai Doctor 3, un trio che da un decennio calca i più importanti palcoscenici del jazz italiani. Il suo disco The Tales of Doctor 3 viene premiato miglior disco di jazz italiano nel 1998, mentre il lavoro successivo The songs remain the same vince il titolo di miglior disco jazz di Musica&amp;Dischi nel 1999.</p>
<p> </p>
<p>In Italia sono numerose le sue performance nell'ambito del pop, come pianista di fiducia di artisti quali Mina, Claudio Baglioni, Pino Daniele e come collaboratore, tra gli altri, di Domenico Modugno, Fiorella Mannoia, Riccardo Cocciante, Renato Zero, Gianni Morandi e Adriano Celentano. Nel 2006 prende parte al Concerto per l'Europa, sull'isola di Ventotene, che lo vede protagonista assieme a Baglioni, Nicola Piovani e Luis Bacalov. Nella stagione 2007-2008 partecipa allo spettacolo Uomini in frac insieme ad altri musicisti come Peppe Servillo, Fausto Mesolella, Mimì Ciaramella degli Avion Travel, Fabrizio Bosso, Furio Di Castri, Javier Girotto, Gianluca Petrella e <b>Cristiano Calcagnile</b>. Lo spettacolo è stato allestito per festeggiare i cinquant'anni di Nel blu dipinto di blu e per l'occasione il gruppo esegue alcune canzoni di Domenico Modugno. Le sue improvvisazioni, che spaziano su qualsiasi repertorio, sono apprezzate durante i concerti che tiene nelle tournée in giro per il mondo e durante i principali festival jazz. Nel 2009 è uno dei 70 artisti ospiti del doppio cd di Baglioni, Q.P.G.A., dove Rea suona il pianoforte nella canzone "Centocelle".</p>
<p> </p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*