CRONACA Lavori in piena stagione turistica a Doglio, abitanti denunciano incuria

<p>(UJ.com) MONTECASTELLO DI VIBIO – Lavori pubblici che si protraggono oltre misura creando disagio alla popolazione. Un paese che diventa inaccessibile poroprio duranate l'estate, con le feste paesane 'sloggiate' dal centro storico, a causa di pochi metri di lastricato da completare. E’ il Ferragosto che si <b>prospetta a Doglio</b>, ridente frazione di Monte Castello di Vibio, immersa nel verde e fieramente impegnata ad affiancare alle consuete attività agricole, vitivinicole e pastorizie, quelle legate al turismo, grazie alla recente nascita e allo sviluppo di numerose aziende agrituristiche. Un settore ove, è logico, soprattutto d’estate si concentrano gli sforzi del centinaio di battaglieri residenti, ora gravemente lesi, è così che si sentono, da un prolungarsi dei lavori che ritengono assurdo, vuoi per l’entità circoscritta degli inteventi, vuoi soprattutto il fatto che nel pieno della stagione estiva non risultino ancora finiti. <br />O c’è qualcosa di poco chiaro, serpeggia dunque fra loro, oppure si tratta d’incuria grave. E si rivolgono al loro sindaco, Roberto Cerquaglia, che rassicura, ma nulla sembra potere al cospetto della direzione dei lavori che pare piuttosto infischiarsene. <br />Così gli stessi residenti lanciano l'appello, con una lettera aperta che rendono pubblica. <br />“<b>Esasperati</b> da una situazione che si protrae da Marzo 2008 – vi si legge - gli abitanti di Doglio denunciano una situazione di disagio e di abbandono che ha del paradossale. Tutto è iniziato nel Marzo 2008 quando l’amministrazione comunale decise di ripavimentare il centro del paese di Doglio ed il viale d’ingresso. I lavori di ripavimentazione del centro di Doglio, una <b>sessantina di metri</b>, sono durati da Marzo ad Ottobre del 2008. Il 4 Luglio di quest’anno sono iniziati i lavori per pavimentare il viale di accesso al paese lungo circa 40 metri e largo poco più di 3 metri. I pochi abitanti del paese, molti dei quali ultrasettantenni, hanno pazientemente sopportato nei mesi più caldi dell’anno, i disagi provocati dall’ eccessivo protrarsi dei lavori. Adesso, 11 Agosto 2009, alla vigilia di Ferragosto, quando il paese normalmente si anima di villeggianti, la direzione dei lavori, di comune accordo con l’amministrazione comunale, ha pensato bene di chiudere l’accesso pedonale al paese con tanto di rete arancione. È consentito solo un ristretto passaggio circa 30 centimetri di ampiezza tra la recinzione in ferro e le panchine e gli alberi del marciapiede  in modo da rendere più difficile l’accesso al paese. I turisti, a causa delle difficoltà, sono latitanti. Senza considerare il danno economico arrecato all’unica attività commerciale di alimentari e tabacchi  che è situata nella parte del viale reso inaccessibile dalla rete arancione. Gli abitanti di Doglio “ringraziano sentitamente” l’amministrazione comunale per la lungimiranza nell'aver scelto come periodo per la pavimentazione gli unici due mesi, Luglio e Agosto, in cui il paese si rianima di villeggianti. Chiedono inoltre al direttore dei lavori i motivi per cui questi lavori si prolungano oltre ogni aspettativa e suggeriscono che sarebbe stato molto più agevole ed opportuno per la popolazione consentire il passaggio nella parte centrale del viale, già completata, invece che vietare l’accesso a tutto il viale”.</p>
<p> </p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*