CRONACA Ancora senza nome il cadavere del Lago

<p>HTML clipboard
<p>(UJ.com) TUORO - E' ancora senza soluzione il 'giallo del lago' ed il cadavere dell'uomo, presumibilmente intorno ai 60/65 anni, affiorato il 5 agosto scorso nei pressi della darsena di Tuoro, non ha ancora un nome. L'esame autoptico, in <b>programma</b> oggi, potra' fornire maggiori dettagli e certezze su una morte per la quale gli inquirenti hanno formulato un ventaglio di ipotesi.</p>
<p>Sembrerebbe escluso l'omicidio, in quanto sul corpo, per lo meno ad un primo esame, non sono stati rinvenuti segni di violenza, rimanendo aperte le piste del suicidio o della <b>disgrazia</b>, non supportate pero' da denunce di persone scomparse nella zona. La vittima, vestita e con i sandali ai piedi, inoltre, non aveva con se' alcun documento. Per il medico legale la permanenza in acqua dell'uomo dovrebbe essere stata di 3 o 4 giorni, circostanza che rende ancor piu' difficile risalire al luogo dove la morte e' avvenuta.</p>
<p>Il corpo infatti potrebbe essere stato trasportato dalle correnti, generatesi anche a causa del maltempo, da una parte all'altra del lago. Anche nell'esame delle impronte <b>digitali</b>, seppure molto compromesse a causa della permanenza in acqua, gli investigatori nutrono speranze per risalire all'identita' dello sconosciuto; se fossero presenti nella banca dati potrebbero evidenziare anche un pregiudicato o, per lo meno, un soggetto noto all'autorita' giudiziaria.</p>
</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*