CRISI MERLONI - SMACCHI (PD): “AGENZIE REGIONALI OLTRE IL LOCALISMO. INTERVENGANO ANCHE SU AZIENDE EXTRA REGIONALI CON SITI PRODUTTIVI IN UMBRIA”

<p>post <b>M. Zingales</b> UJcom2.0 <a target="_blank" title="Scrivi a Morena Zingales" href="mailto:morenazingales@gmail.com"><b>@</b></a> (UJ.com) PERUGIA - “Abbiamo di fronte un nuovo scenario economico che obbliga le Agenzie regionali ad andare oltre il localismo, per questo va previsto un nuovo ruolo, rispetto alla crisi, per le stesse Agenzie e per Confindustria”. E’ quanto ha dichiarato, nel corso della seduta di ieri del Comitato di monitoraggio e vigilanza sull’amministrazione regionale, il vice <b>presidente</b> Andrea Smacchi (PD) al termine dell’audizione con i responsabili umbri di Confindustria, Confartigianato, Confapi e Cna in merito alla riforma delle Agenzie regionali. Smacchi ha sottolineato la necessità del coinvolgimento di Confindustria “anche per quanto riguarda realtà produttive che risiedono, con altri siti produttivi, in territorio extra regionale come ad esempio nel caso dell’azienda Merloni”. Nel suo intervento, Smacchi si è particolarmente soffermato sulla crisi della A.Merloni Spa, con particolare riferimento al sito di Colle di Nocera Umbra.</p>
<p> </p>
<p>“Dopo la scadenza dei bandi prevista per il prossimo 15 novembre, - ha detto - si renderà necessaria una flessibilità operativa da parte delle Agenzie regionali che dovrà portare all’adozione di un piano strategico di intervento”. Per Smacchi “la fase di commissariamento dell’azienda è servita anche a monitorare la possibilità di sopravvivenza del quadro unitario produttivo, ma se questo non risultasse <b>possibile</b> si renderà necessario aprire una fase di nuova progettualità per il futuro dei siti. In questo caso – ha aggiunto – sia le Agenzie regionali che Confindustria dovranno essere pronte ad intervenire”. Smacchi ha rimarcato quindi che, in situazioni come questa, “Confindustria deve trovare la forza e il coraggio di metterci la faccia, fornendo capitali, professionalità e progettualità. E’ fondamentale – ha concluso il vice presidente del Comitato di monitoraggio – che l’impresa in difficoltà venga supportata, oltre che dalle istituzioni e dalle Agenzie regionali anche dalle Associazioni di rappresentanza”.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*