COSTRUZIONI IN ZONE SISMICHE - BUCONI (SOCIALISTI): “LA REGIONE FACCIA UN MONITORAGGIO DELLA SITUAZIONE E SNELLISCA LE PROCEDURE”

<p>post <b>M. Zingales</b> UJcom2.0 <a target="_blank" title="Scrivi a Morena Zingales" href="mailto:morenazingales@gmail.com"><b>@</b></a> (UJ.com) PERUGIA - Il capogruppo regionale dei Socialisti e riformisti, Massimo Buconi, interviene sui contenuti del disegno di legge sul controllo delle costruzioni in zone sismiche approvato ieri dall’Assemblea legislativa. “Le modificazioni alla legge ‘5/2010’ licenziate ieri – spiega Buconi – rivestono una grande importanza perché la quasi totalità dell'Umbria rientra nella <b>previsione</b> delle normative per la costruzione in zone sismiche. In questi ultimi tempi sono due le questioni che hanno soprattutto destato attenzione: le competenze professionali tra geometri, ingegneri ed architetti e le procedure per l'esame e la rapida evasione delle pratiche di controllo dei progetti”.</p>
<p> </p>
<p>Per quanto riguarda l’aspetto delle competenze professionali, Buconi giudica “sicuramente positiva l'iniziativa assunta dalla Giunta provinciale di Perugia di approfondire e ripensare il proprio atto che interveniva nella materia, dando <b>soddisfazione</b> alle istanze pervenute da parte delle categorie interessate. E circa le procedure adottate – aggiunge - non sfuggirà come esse abbiano una duplice valenza: l'una nei confronti dei diretti interessati che debbono recuperare i propri immobili danneggiati, l'altra rispetto all'enorme impatto che le procedure autorizzative hanno sull'intera economia della Regione.</p>
<p> </p>
<p>Infatti un ingolfamento, già verificatosi, nell'evasione delle pratiche produce ricadute pesantemente negative sull'avvio dei cantieri con le ipotizzabili conseguenze sull'occupazione e sul mercato dell'edilizia, notoriamente trainante”. “E' pertanto opportuno – conclude Buconi - che la Regione Umbria, nei prossimi mesi, monitori la <b>situazione</b> ed approfondisca quanto richiesto anche dalla Provincia di Perugia, circa lo snellimento delle procedure, distinguendo i percorsi tra opere complesse e opere più semplici. Il tutto ovviamente tenendo conto degli aspetti di qualità e sicurezza costruttiva e ricostruttiva”.</p>
<p><a href="http://www.umbriajournal.com/mediacenter/FE/articoli/infrastrutture-per-il-dissesto-idrogeologico-nel-t.html"><b>- INFRASTRUTTURE: “PER IL DISSESTO IDROGEOLOGICO NEL TERRITORIO TUDERTE, LA REGIONE HA’ STANZIATO 165MILA EURO” – BUCONI</b></a></p>
<p><a href="http://www.umbriajournal.com/mediacenter/FE/articoli/il-sindaco-di-assisi-claudio-ricci-in-visita-ad-al.html"><b>- IL SINDACO DI ASSISI CLAUDIO RICCI IN VISITA AD ALBEROBELLO, SITO UNESCO</b></a></p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*