CO.RE.COM: APPROVATO IN PRIMA COMMISSIONE IL PROGRAMMA DI ATTIVITA’ PER IL 2010

<p>post <b>M. Zingales</b> UJcom2.0 <a target="_blank" title="Scrivi a Morena Zingales" href="mailto:morenazingales@gmail.com"><b>@</b></a> (UJcom) PERUGIA - Con 5 voti favorevoli della maggioranza e 3 astensioni dell’opposizione, la I° Commissione consiliare, presieduta da Oliviero Dottorini, ha approvato nella seduta di ieri il Programma di attività del Comitato regionale per le comunicazioni (Co.re.com) per l’anno 2010. Già nella gestione attuale, la Commissione ha previsto un taglio delle spese generali del Comitato di 12 mila euro. I commissari, in modo unanime, <b>avrebbero</b> voluto intervenire da subito con tagli molto più sostanziosi, ma non è stato possibile perché si sarebbe agito su impegni di spesa già assunti dallo stesso Comitato. Corposi tagli alle spese saranno invece previsti nel prossimo bilancio 2011.</p>
<p> </p>
<p>I commissari hanno dato infatti mandato al presidente Dottorini di mettere a punto un testo di modifica della legge istitutiva del Co.re.com (Legge regionale 3/2000) che “dovrebbe essere pronto – come ha assicurato lo stesso Dottorini – già alla ripresa dei lavori di settembre. L’indirizzo – ha detto il presidente – riguarda una forte riduzione di spesa relativa anche alle indennità degli <b>amministratori</b>”. L’atto approderà in Aula nella seduta di domani. Oliviero Dottorini sarà relatore di maggioranza e Massimo Monni di minoranza. Scheda Il fabbisogno finanziario per la gestione dell’anno 2010, al netto dei 12 mila euro tagliati dalla Commissione, equivale a 480 mila euro, 72mila dei quali elargiti dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom).</p>
<p> </p>
<p>Le attività del Co.re.com spaziano tra: il Registro regionale delle imprese di comunicazione radiotelevisive; dei contributi ministeriali alle emittenti locali; il sistema di monitoraggio delle emittenti televisive; la tutela dei minori nel settore radiotelevisivo locale; il diritto di rettifica con riferimento al settore radiotelevisivo locale; la vigilanza sul rispetto dei criteri relativi alla pubblicazione e diffusione di sondaggi sui mezzi di comunicazione locali; la conciliazione nelle controversie tra ente gestore del servizio di comunicazioni elettroniche e utenti e assunzione dei provvedimenti <b>temporanei</b> in materia di sospensione del servizio; la definizione delle controversie; la vigilanza sulla programmazione di radio e tv locali, inclusa la tutela pluralismo mediante monitoraggio; la gestione delle posizioni degli operatori nell’ambito del Registro degli operatori di comunicazione (coordinamento dell’Autorità).</p>
<p> </p>
<p>Oltre a ciò, il Co.re.com organizza dibattiti, convegni e seminari sul digitale terrestre, un concorso ‘festival’ nazionale delle tv locali <b>denominato</b> “Comunicare in Umbria”. Inoltre, il Co.re.com ha stipulato una convenzione con l’Università di Perugia (Dipartimento istituzioni e società della facoltà di Scienze politiche) per la realizzazione di una ricerca dal titolo “Analisi dei nuovi fenomeni comunicativi a rete”. La struttura è convenzionata anche con l’Associazione della Stampa umbra.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*