AMBIENTE Secondo il Pdl della Provincia di Perugia serve una task force per il monitoraggio dei luoghi a rischio

<p>HTML clipboard
<p>(UJ.com) PERUGIA - Il Consigliere Provinciale Pdl Valerio Bazzoffia, con una <b>mozione</b> rivolta al Presidente della Provincia di Perugia sulla grave situazione ambientale del comprensorio dei Comuni di Bettona e Bastia Umbra, propone ‘l’istituzione di una task force per il monitoraggio dello stato dei luoghi a tutela della salute pubblica’.</p>
<p>“Una task force – chiede il Consigliere - composta da tecnici sia del proprio apparato che da esterni, ma comunque diversi da coloro che sino ad oggi avrebbero dovuto monitorare il <b>comprensorio</b> in oggetto, in accordo con le Amministrazioni Comunali interessate, che verifichi o metta in atto lo stato attuale dei luoghi e l'effettivo pericolo per la salute dei cittadini ivi residenti, i modi ed i tempi per l'immediata messa in sicurezza dei luoghi, un progetto di bonifica del territorio e un sistema di compatibilità ambientale per il settore zootecnico.</p>
<p>Bazzoffia chiede di valutare anche la convocazione del Consiglio Provinciale ai sensi degli artt. 56 e 58 del regolamento. Nel documento, il Consigliere sottolinea che “la grave situazione è stata provocata dall'utilizzazione agronomica dei reflui zootecnici che a quanto pare è stata effettuata in modo <b>incontrollato</b> negli ultimi trenta anni, con la presunta complicità degli organi di controllo all'uopo deputati e che questa pratica incontrollata ha determinato la compromissione e l'avvelenamento dei terreni e delle falde acquifere della zona interessata, come si rileva dalle relazioni tecniche inserite nelle suddette determinazioni giudiziarie”. Per il Consigliere provinciale “manca al momento un organo affidabile in materia di tutela dell'ambiente e monitoraggio del territorio e della salute”.</p>
</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*