Ambiente – Becchetti (PD) chiede chiarimenti in Consiglio Provinciale su chiusura discarica di Pietramelina

<p>post <a target="_blank" href="mailto:mili.wieczorek79@gmail.com">@</a> <span style="color: #000000;"><b>M.Wieczorek</b></span> (UJ.com) PERUGIA - “Ad oggi non risulta che ATI n2 abbia individuato o fatto delle ipotesi sul sito dove localizzare l’<b>impianto</b> di trattamento termico, ne che siano stati effettuati dei monitoraggi ambientali, territoriali e sanitari, così come previsto dal Piano Regionale dei Rifiuti. Inoltre quest’ultimo, prevede la chiusura della discarica di Pietramelina, una volta raggiunta la capienza prevista dalle autorizzazioni, e che non potranno essere effettuati ne ampliamenti di superficie ne di volume”.</p>
<p> </p>
<p>Risponde così Roberto Bertini assessore all’Ambiente della provincia di Perugia - in Consiglio Provinciale al consigliere Gianfranco Becchetti (PD) che con una interpellanza chiedeva “se era prevista la chiusura della <b>discarica</b> di Pietramelina, se la Provincia avesse controllato i vincoli naturaistici-ambientali-paesaggistici che riguardano i comuni di Perugia, Gubbio e Umbertide e se, come affermato dall’assessore Regionale Rometti, “la localizzazione di un eventuale impianto di trattamento termico dei rifiuti dovrà essere all’interno dell’ATI 2””.</p>
<p> </p>
<p>“Il Piano Regionale dei Rifiuti prevede che - continua Bertini - l’impianto termico per lo smaltimento dei rifiuti dovrà essere all’interno dell’ATI 2, ma la scelta dovrà essere preceduta da un’attenta campagna di <b>monitoraggio</b> ambientale, finalizzata alla qualificazione “ex ante” del sito e del territorio. Inoltre dovrà essere definita la situazione della salute della popolazione potenzialmente interessata dalle ricadute dell’impianto, in modo da monitorare l’insorgenza di particolari patologie associabili alla modifica delle condizioni ambientali”.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*