A VILLA UMBRA UNA GIORNATA FORMATIVA SUL FEDERALISMO MUNICIPALE APPENA APPROVATO

<p>post <b><span style="color: #000000;">M. Zingales</span> <a target="_blank" title="Scrivi a Morena Zingales" href="mailto:morenazingales@gmail.com">@</a></b> (UJ.com) PERUGIA - Il 2 marzo Il Consiglio dei Ministri ha definitivamente approvato, a seguito della votazione favorevole delle Camere, il decreto legislativo in materia di federalismo fiscale municipale introducendo numerose novità, dalla cedolare secca sui redditi degli affitti, allo sblocco delle addizionali Irpef, alla tassa di soggiorno sui turisti. Il decreto sul nuovo fisco municipale prevede anche una vera e propria <b>rivoluzione</b> sul fronte della tassazione immobiliare e "chiama in causa" anche i comuni nell'attività di accertamento tributario. Ecco quindi un altro tassello inserito nel processo di realizzazione del federalismo fiscale, intrapreso con la Legge n. 42 del 5 maggio 2009, che sancisce l'autonomia finanziaria di entrata e di spesa per i Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni, e che conclude l'attuazione del processo di revisione costituzionale contenuto nella legge costituzionale n. 3 del 18 ottobre 2001.</p>
<p> </p>
<p>La Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica rispondendo tempestivamente all'approvazione della nuova normativa, ha programmato una giornata formativa su "Il processo di realizzazione del federalismo fiscali: il federalismo municipale". Essa sarà rivolta in primo luogo a segretari comunali e provinciali, Direttori Generali, Dirigenti, Responsabili dell'ufficio contabilità, tributi, personale, del servizio finanziario, loro collaboratori e Amministratori di Enti Locali. L'attività formativa offrirà una <b>resoconto</b> sul processo di realizzazione del federalismo fiscale, concedendo ampio spazio all'analisi del federalismo municipale appena approvato. La docenza sarà affidata a Francesco Delfino, Ministero Economia e Finanze - Commissione Tecnica paritetica per attuazione federalismo fiscale e esperto di finanza locale di UPI e Corte Conti.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*