Perugia, UmbriaEnsemble – FRATRES

fratres1(umbriajournal.com) PERUGIA – Domenica 23 Giugno, ore 21, Aeroporto Internazionale “S. Francesco d’Assisi”.
“Fratres” è un’ opera originale che attraverso la Musica, appositamente commissionata e scritta da alcuni tra i più interessanti compositori italiani contemporanei (Panni, Galante, De Rossi Re, Lucidi) racconta nelle alterne vicende – ambizioni e sconfitte, luci ed ombre, opere e destini – grandi figure di Santi , Capitani di ventura ed Artisti vissuti in Umbria in un passato ai confini tra storia e leggenda e le cui voci, oggi, sono affidate a parole, gesti e suoni di un linguaggio contemporaneo che attraversa il tempo consegnandoci un messaggio sempre attuale.

L’Ouverture strumentale “Preghiera a Santo Francesco” – dedicata al Poverello d’Assisi, emblema di un’umanità che sceglie di sublimarsi – apre ai quadri in cui l’opera si articola- il primo affidato al Canto lirico; il secondo alla Recitazione; il terzo alla Danza. In essi il ritratto dei personaggi viene ridisegnato esaltandone gli aspetti salienti attraverso l’immaginaria relazione con figure vissute a secoli di distanza. Svincolate dai dettagli del contesto, le voci dialogano liberamente sull’essenza della propria tensione esistenziale, ovvero mistica, artistica e culturale, toccando temi sempre attuali come il potere e la libertà; la spiritualità e l’arte; la ricerca intellettuale, la condizione della donna; il corpo, esaltato ed umiliato, e la vita che per esso si perpetua.

In scena cantanti (Roberto Abbondanza e Stefano Rinaldi Miliani), attori (Emanuela Faraglia) e danzatori (Dance Gallery) con i musicisti di UmbriaEnsemble (Angelo Cicillini, violino; Luca Ranieri, Viola; M. Cecilia Berioli, Violoncello; Claudia Giottoli, Flauto; Michele Rossetti, Pianoforte) che eseguono le partiture dal vivo: Archi ad esprimere la raffinatezza di un linguaggio classico ed universale; Flauto e Pianoforte, con i loro timbri, aerei e percussivi, a sottolinearne la radice arcaica e tuttora profondamente suggestiva: a suggerire, una volta di più, le relazioni sorprendenti che legano in modo non convenzionale il passato al futuro.

Originale, come le parole e la musica di Fratres, è il suo allestimento, caratterizzato anche dalle opere di Fabrizio Fabbroni e Stefano Chiacchella, e la location che l’accoglie:l’aeroporto internazionale di Perugia e dell’Umbria, che diventa così un ideale ponte sospeso tra terra e cielo, intesi sia in senso materiale che metaforico; un non-luogo da cui partire per un’avventura che, prima di tutto, è quella del proprio esistere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*