SUCCESSO PER XXVI MOSTRA MERCATO NAZIONALE TARTUFO E PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ DI FABRO

Maurizio Terzino e Katiuscia Spada
Maurizio Terzino e Katiuscia Spada
Maurizio Terzino e Katiuscia Spada

(umbriajournal.com) – by Avi News FABRO – Buona affluenza ai 60 stand in centro storico, oltre 350 visitatori giunti con il treno d’epoca e un nuovo “Vanghetto d’oro” assegnato a un prestigioso personaggio a livello internazionale. Ha resistito al cattivo tempo anche la ventiseiesima edizione della Mostra mercato nazionale del tartufo e dei prodotti agroalimentari di qualità che si è chiusa, con successo, a Fabro, domenica 10 novembre. La terza e ultima giornata in programma ha fatto, in particolare, registrare una buona partecipazione alle due passeggiate ecologiche, a piedi e in mountain bike, e un discreto interesse al convegno sulla via Romea germanica, antica strada che i pellegrini provenienti dai paesi europei centro settentrionali percorrevano per raggiungere Roma. “La strada che passa per numerosi comuni dell’Alto Orvietano – hanno detto gli organizzatori dell’evento –, fra cui anche Fabro, potrà essere un nuovo impulso per il turismo dell’area”. In contemporanea al convegno, Fabro scalo si è animata per l’arrivo del treno storico a vapore proveniente da Roma Termini. Diverse centinaia i visitatori giunti dalla capitale che hanno visitato la mostra, scoperto e assaporato le prelibatezze del territorio umbro. Ultimo atto del programma, sempre domenica, poi, la consegna del premio Vanghetto d’oro, realizzato dal maestro orafo Massimiliano D’Agostini. Un riconoscimento che il sindaco di Fabro, Maurizio Terzino, ha assegnato a Katiuscia Spada, cittadina di Fabro, 4 volte campionessa del mondo, 6 volte campionessa europea e 16 volte campionessa italiana di skeet o tiro a volo. “Da piccola ho sempre vissuto il premio da spettatrice – ha detto Spada – e ora ne sono protagonista. Vorrei condividere con tutti i concittadini questo riconoscimento perché sia una modesta testimonianza che anche partendo dalla nostra piccola realtà paesana si può arrivare alla realizzazione di grandi obiettivi. Le eccellenze si costruiscono con sacrificio umiltà e dedizione e le terre umbre ne sono maestre”. Forte di questo successo, gli organizzatori, ovvero l’amministrazione comunale e il Consorzio Itaca, hanno dato appuntamento alla prossima edizione.

 

Maria Cristina Costanza

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*