Museo Connect: Terni incontra Spoleto nel segno del contemporaneo, nasce la convenzione tra il CAOS e Palazzo Collicola

 
Chiama o scrivi in redazione


Museo Connect Terni incontra Spoleto nel segno del contemporaneo

Museo Connect: Terni incontra Spoleto nel segno del contemporaneo, nasce la convenzione tra il CAOS e Palazzo Collicola

È attiva a partire da questa settimana la convenzione Museo Connect, che unisce CAOS – Centro Arti Opificio Siri di Terni e Spazio Collicola di Spoleto. Patrocinata dal Comune di Terni e dal Comune di Spoleto, l’iniziativa prevede la possibilità di usufruire di un biglietto ridotto per chi decide di visitare il Museo “A. De Felice” e la Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente” – il più vasto e variegato museo di arte moderna e contemporanea dell’Umbria.

Grazie ad un accordo tra Le Macchine Celibi e Sistema Museo, in capo allo Spazio Collicola di Spoleto, sarà dunque possibile visitare i due musei di arte contemporanea più influenti della Regione ad un prezzo speciale. Il funzionamento è molto semplice: una volta acquistato il biglietto d’ingresso per il Museo De Felice, sarà sufficiente mostrarlo alla biglietteria della Galleria Carandente per avere diritto all’applicazione della tariffa ridotta. Allo stesso modo, il titolo d’ingresso per lo Spazio Collicola, mostrato al desk del CAOS entro due settimane dall’emissione, vale come sconto sul biglietto per visitare il Museo De Felice.

“Grande soddisfazione per questo accordo sperimentale che sancisce un rapporto virtuoso tra due importanti musei di due città vicine e storicamente amiche” – dichiara in merito Andrea Giuli, Vice-sindaco e Assessore alla Cultura della città di Terni. Si tratta, nelle parole di Giuli, di un “accordo che può sancire l’inizio di iniziative e collaborazioni significative tra le due strutture. L’operazione si inserisce in un continuo sforzo dell’amministrazione ternana nel mettere in rete e in sinergia siti turistici e luoghi della cultura dell’Umbria meridionale, ritagliando per Terni un ruolo centrale”.

Dal canto suo, la cooperativa Le Macchine Celibi, gestore del CAOS – Centro Arti Opificio Siri, manifesta altrettanta soddisfazione per l’iniziativa e dichiara “abbattere i confini in nome dell’arte è quello che noi vogliamo e dobbiamo fare. La collaborazione nata tra i due Comuni è stata condivisa, accolta e sancita con entusiasmo da Macchine Celibi e Sistema Museo, auspicando ad un pubblico sempre più ampio, non solo dei fedelissimi ma anche dei curiosi passanti che iniziano a conoscere una delle parti più belle ed emozionanti della vita, appunto l’arte”.Terni e Spoleto si uniscono così nel nome di una solida intenzione: quella di creare connessioni in grado di valorizzare il patrimonio artistico contemporaneo dell’Umbria. Nel segno del contemporaneo, per la creazione di nuovi percorsi attraverso l’arte, le suggestioni, la bellezza dei nostri Musei.

INFO CAOS – Centro Arti Opificio Siri

via Franco Molé 25, Terni +39 0744/1031864 caos.museum info@caos.museum

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*