Mondo dell’arte in lutto, è morto il pittore, professor Raffaele Tarpani

 
Chiama o scrivi in redazione


Mondo dell'arte in lutto, è morto il pittore, professor Raffaele Tarpani

Mondo dell’arte in lutto, è morto il pittore, professor Raffaele Tarpani

«Che terribile notizia, oggi, la perdita del grande artista, Raffaele Tarpani. Un animo sensibile, sempre pronto per la solidarietà, tanta a favore della Casa di Jonathan qui a novembre 2015, inaugurazione della casa grazie Raffaele, che tu possa riposare in pace tra i tuoi splendidi colori». Sono le parole della pittrice, professoressa Rosella Aristei che con Raffale aveva, da tempo, intessuto rapporti artistici e di collaborazione.

«Ho appreso solo ora,caro Amico, non ho parole, mi stringe il cuore, venivi sempre in farmacia anche solo per parlare ci siamo sentiti fino all’altro ieri – scrive Laura Ciacci
Sono felice perché so che la tua Vita l’hai vissuta a pieno, tra sofferenze e gioie. Ti guarderò attraverso i tuoi quadri, ovunque sei rimarrai nel mio cuore, caro Amico confidente… mi mancherai
Ciao Raffaele Tarpani, voglio ricordarti cosi,fiero felice, ovviamente eri un artista in tutto»

BIOGRAFIA – Nato a Perugia nel 1949. Ha studiato e ha vissuto in Umbria, si è diplomato presso l’Istituto d’Arte Bernardino di Betto di Perugia nel 1966, abilitato all’insegnamento. Ha iniziato la sua attività artistica nel 1962 partecipando a varie mostre regionali e nazionali ottenendo premi e riconoscimenti da vero mattatore dell’arte contemporanea. Nell’autunno 1968 ha allestito la sua prima mostra personale a Perugia, ottenendo consensi positivi dalla critica e dal pubblico.

L’anno seguente è presente con una personale a Spoleto nell’ambito della XII edizione del Festival dei Due Mondi. Nel 1971 si conferma come una tra le promesse più interessanti nel panorama artistico italiano, esponendo alla Galleria Barbaroux di Milano. Nel 1972 è di nuovo a Perugia con una personale e viene invitato a far parte di istituzioni culturali quali l’Accademia dei Cinquecento e l’Accademia Tiberina. Dopo una fase di ricerca e di riflessioni sulle sue modalità espressive , raccoglie l’invito a partecipare ad una collettiva presso il Salone delle Nazioni a Parigi nel 1982. L’anno dopo, è invitato a Mugnano, dove esegue un apprezzato murale. Contemporaneamente vi tiene una personale.

Nel 1985 ridipinge all’interno della chiesa del Trebbio di Pila una Madonna con Bambino e angeli. In questo periodo sperimenta altre forme espressive, prediligendo vecchi legni come supporti per una materia di colori e immagini sinteticamente eloquenti, testimoniando un’inesauribile vena creativa. Successivamente la sua ricerca, sempre nell’ambito della sperimentazione, partendo dalla lezione informale, coniugata con l’irriducibile vocazione a conservare un’impronta d’iconocità, si sposta ad esaltare la materia, come la juta e la carta per arrivare alla fusione della plastica. Dopo una selezione a livello nazionale è tra i venti artisti invitati alla VII edizione della manifestazione “Pittori in ribalta” a Nardò (Le), alla conclusione della quale ricevette l’onorificenza di “Maestro del pennello”. L’anno dopo, si ripresenta alla settimana del colore a Marina di Ravenna dove partecipa a sei concorsi, ottenendo la premiazione in ben quattro gare tra cui la “Tavolozza d’oro”. Nel 1991 alla XXVII edizione dell’Agosto Corcianese, idealizza e realizza una performance a favore dell’UNICEF.

In quell’anno viene invitato a Mugnano ad allestire la mostra ufficiale della manifestazione “In…contriamoci” ereditando così il testimone da pittori di chiara fama. Realizza anche un murale a Bagnaia, al di sotto di una struttura architettonica ad arco, antistante la chiesa del paese. Nel 1992 organizza diverse mostre , fra cui tre personali. In aprile a Santa Maria degli Angeli, poi a Talla (Ar) dove su invito della Pro Loco, inaugura nella scuola elementare del posto un’altra personale. In dicembre si presenta al pubblico di Bastia Umbra, nella sala espositiva S. Croce, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune. Nel 1993 si precisa la ricerca espressiva dell’artista, riscoprendo quelle tematiche che lo avevano da sempre affascinato come il paesaggio, abbandonando così le ricerche materiche astratte. In settembre, nell’ambito della rassegna delle sagre a S. Sisto di Perugia, esegue un pannello offerto poi in asta, il cui ricavato è stato devoluto all’associazione “

Daniele Chianelli
” Comitato per la vita. Al termine di quell’anno, allestisce una personale presso il circolo culturale “Insula Romana” di Bastia Umbra, riproponendosi ancora nel 1994 , 1995 e 1996 con nuove opere, dimostrando ancora una volta la sua perizia tecnica e l’affezione a quei temi costanti nella sua produzione, quali il paesaggio umbro, nudi femminili e sperimentazioni su ceramica.

Nei primi anni novanta è alle prese con la tecnica dell’affresco. Realizza una pittura murale nel locale Mikiflowers di Bastia Umbra; un’opera lignea a favore della Pro Loco di Mugnano a ricordo di un carissimo collega scomparso; decora poi il salone di una casa privata a Pila ed allestisce due mostre personali a Mugnano. Nel 1995 realizza il Palio in occasione della Festa di San Michele Arcangelo patrono di Bastia Umbra che, escludendo una facile narrazione pittorica, si caratterizza per un virtuosismo compositivo dai sapienti contrasti cromatici che sottolineano efficacemente i significati religiosi. Sono varie le opere eseguite per contribuire ad aste di beneficenza, oltre a quelle ricordate anche a Foligno, Bastia, Santa Maria degli Angeli, Perugia ecc. Nel 1997 nella sala espositiva S. Croce di Bastia Umbra , con la presentazione del critico d’arte dott. Massimo Duranti, si ripropone al pubblico, con una monografia che racchiude significative opere dal 1968 al 1997.

Quaranta opere che hanno ripercorso ed illustrato la via seguita dall’artista in quasi quaranta anni di attività. Nel 1997 realizza una mostra personale in Valtopina (Umbria) presso la sede della Pro Loco e partecipa, vincendo, al concorso di Trevi (Umbria) per la realizzazione del dipinto “Palio dei Terzieri”. Nel 1998 realizza due mostre personali rispettivamente in Assisi sala “Via del corso” ed in Bastia Umbra in occasione dell’“Expo regalo” (mostra internazionale di articoli regalo). Nel 2000 realizza tre mostre personali : ad Assisi nella “Locanda degli Artisti”, a Palazzo di Assisi nella “Sala del Castello” ed a Bastia Umbra in occasione dell’”

Expo regalo
”. Nel 2002 è presente a Todi, presso l’ex chiesa dei Santi Filippo e Giacomo, con una importante personale, seguita sempre nello stesso anno a Bastia Umbra dalla manifestazione “Arte in vetrina”, esperienza, ripetuta, anche nel 2003. Nel 2003 è promotore di due importanti collettive legate al Gruppo“éART” e corredate entrambe da importanti cataloghi: la prima è a Bettona e la seconda, dal titolo “…..& segni”, a Roma presso l’Oratorio di S. Francesco Saverio. Il 2004 è un anno importante, infatti a San Sano (SI) gli viene assegnata la “Rana d’oro” e nel corso dell’anno è protagonista di tre significative personali, ad Ospedalicchio presso l’”Olivera Inn”; a Trevi presso “Il Frantoio” e a Spello presso l’”Hotel Altavilla”.

Nel 2005 partecipa a “In Chartis Mevaniae”, prima a

Bevagna
e poi a Perugia presso il CERP. Nel 2006 e nel 2007 è protagonista ancora una volta a Mugnano con una personale per la manifestazione “In…contriamoci” e tra la fine del 2006 ed i primi del 2007, nella ricorrenza dei suoi 44 anni di pittura, tiene una splendida mostra presso le Logge di Braccio in Perugia alla presenza di autorità regionali e del meglio della critica umbra. Sempre nel 2006 è autore del “Palio della Quintanella” di Scafali (PG) e del “Piatto di Sant’Antonio” per la omonima manifestazione a Santa Maria degli Angeli; ancora nello stesso anno è protagonista di una personale ad Amelia, Palazzo Petrignani, dal titolo “Pomeriggio con Rossini”.

Ancora del 2007 è invitato a Rodi Garganico ad esporre con altri 24 artisti selezionati a livello nazionale, così come entra nel novero dei 30 artisti ospitati dall’Associazione Alkaest di Città di Castello per una collettiva; sempre in questo anno è coordinatore della “Via Crucis” a Spello dove partecipa anch’egli, unitamente ad altri 13 artisti da lui selezionati, con una significativa opera. Tra la fine del 2007 ed i primi del 2008 espone a Spello presso il Palazzo Comunale sempre con l’intervento di autorità e noti critici. Nel 2008 è autore del manifesto per i 25 anni de “I Vinarelli” di Torgiano, manifestazione alla quale ha sempre costantemente partecipato; sempre nel 2008 partecipa alla significativa mostra, di cui è anche selezionatore dei pittori partecipanti, dedicata ai 700 anni della morte di Santa Chiara da Montefalco e dal titolo “Omaggio a Chiara” che si svolge presso il Monastero delle Agostiniane, in questa occasione il Comune di Montefalco ne acquisisce l’opera. Nel 2006, 2007 e 2008 è ancora invitato a Nardò (LE) alla manifestazione “Pittori in Ribalta” dove espongono 20 artisti selezionati da tutta Italia.

Nel marzo 2008 espone a

Montefalco
presso la “Chiesa S.Maria” in Piazza del Comune, nello stesso anno allestisce una mostra personale a Foligno presso il locale “Piazzetta S. Vito”, successivamente è presente con una serie di opere recenti nei locali della “GARGOTTA” pub pizzeria a Bastia Umbra. Nell’anno 2009 realizza una mostra personale nei locali della B.N.L. di S. Maria degli Angeli in occasione delle giornate di Telethon. Nel 2010 espone le proprie opere nel locale “Pizzidea” di Bastia Umbra Nello stesso anno è presente anche ad Assisi al “Camping Internazionale Assisi”. Nell’Agosto espone a Torgiano nella sala espositiva della “Fondazione Lungarotti”. Da dicembre fino a fine gennaio 2011 fa parte dei “10 Artisti a Corte” presso Palazzo della Corgna di Castiglione del Lago – Pg.

Ad Aprile 2011 inaugura a Perugia presso la sala “S. Maria della Misericordia” una personale dal titolo “Cieli”. Il 2012 è l’anno in qui festeggia i suoi 50 anni di attività artistica, in occasione di questo evento, realizza varie mostre personali, partendo da Perugia “Sala Cannoniera –

Rocca Paolina
”, ad Aprile apre a Torgiano “Palazzo Malizia”, successivamente a Maggio inaugura a Castiglione del Lago – “Palazzo della Corgna”, in Agosto sconfina in Toscana al “Museo della Madonna del Parto di Piero della Francesca” a Monterchi – Ar, poi a Dicembre, e allestisce la mostra nella “Sala espositiva del Monastero Benedettino” di Bastia Umbra – Pg. Nello stesso anno realizza la X stazione della “Via Crucis” per la Chiesa della Madonna del Rosario di Agello – Pg, a Dicembre aderisce all’iniziativa del comune di Città della Pieve “Vetrine d’Autore”.

Nel 2013 inaugura una mostra personale a Città della Pieve “Palazzo della Corgna” per poi tornare in Toscana nel Maggio a Cortona presso“Palazzo Casali – Museo MAEC” È animatore e coordinatore del Gruppo “éART”. È l’ideatore della manifestazione “50 metri di …Solidarietà” che da anni ha portato a Bastia Umbra, Trevi, Spello, Assisi, Perugia, Foligno e S. Maria degli Angeli. Dal 1991 è presente con un atelier a Bastia Umbra, dove vive e lavora. È docente in vari corsi di pittura in Umbria. Sue opere sono presenti in collezioni d’arte private e pubbliche in Italia, Spagna, Austria, Belgio, Svizzera, Olanda, Ungheria, Germania, Gran Bretagna, Francia, Danimarca, California, Australia e India (Museo “Gandhi”).

1 Commento

  1. Piabngo l’amico Tarpani che ho incontrato, più volte, a San Sano in occasione della Ran d’Oro. Ricordo la sua mitezza e la sua, indiscutibile, valenza artistica.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*