PREMIO “I NONNI RACCONTANO” LETTERATURA PER L’INFANZIA: I VINCITORI

nonni

(UJ.com3.0) CITTA’ DELLA PIEVE – Sabato 18 maggio, presso il Teatro comunale Accademia degli Avvaloranti di Città della Pieve, si è svolta la premiazione del Concorso nazionale di Letteratura per l’Infanzia “I nonni raccontano”. Il concorso, giunto alla VII edizione, è organizzato ogni anno da Amministrazione comunale e Lions Club di Città della Pieve, in stretta collaborazione con gli alunni della scuola primaria e secondaria di 1° grado dell’Istituto comprensivo “Pietro Vannucci”. Sono infatti gli stessi alunni a decretare il vincitore e la classifica finale, scegliendo tra una rosa di opere selezionate dalla giuria tecnica. “Gli studenti – sottolinea l’Assessore comunale alla Cultura Maria Luisa Meo – protagonisti e attivi, sono chiamati ad esprimere la loro sensibilità e le loro idee. In questo dialogo intergenerazionale si stabilisce un passaggio di vissuto educativo di grande forza”.

Non è un caso che la storia che ha meritato il primo premio racconta di un animale, un mulo, compagno dei nostri soldati di tanti anni fa sulle montagne dell’Alto Adige: una storia capace di comunicare un ricordo lontano avvicinandolo attraverso i sentimenti, lo stupore, il divertimento e la partecipazione ad una vita tanto semplice e faticosa, quanto “avventurosa” e carica di eventi indimenticabili. “Ururi” è il nome del mulo protagonista, che dà il titolo al racconto ed è riuscito a catturare la simpatia e le preferenze, mettendo d’accordo adulti e bambini.

La cerimonia di premiazione è stata caratterizzata da un clima di festa. I ragazzi hanno sottolineato l’incontro con la loro voglia di partecipate e di esprimersi. Momenti musicali, intermezzi, letture hanno formato la cornice della consegna dei premi. Quest’anno sono pervenuti lavori da tutta Italia. Questi i nomi dei vincitori: Vittorio Scavino di Savigliano (Cuneo), primo posto con il racconto “Ururi”; Roberta Comin di Venezia, al secondo posto con “La fatina del bosco blu”; Paolo Borsoni di Ancona, al terzo posto con “L’avventura”. Gli altri quattro finalisti selezionati sono: Annalisa Merlo di Montescudaio (Pisa), con “Il vestito della festa”; Raffaele Montefusco di Milano, con “La burrasca” e Vittorio Venturi di Modena, con “Il vecchio maso”.

La Giuria tecnica degli adulti, presieduta dal professore emerito Antonio Pieretti, dell’Università di Perugia, ha ritenuto opere meritevoli di particolare menzione le opere seguenti opere: “Racconto di nonnomaio” di Mario Malgieri di Genova; “Anziani e bambini, diritto alla felicità” di Nicolina Di Scola di Anzio (Roma) e “Il calesse di nonno Ferdinando” di Esterina Basilone di Colle Sannita (Benevento). Nel corso dell’evento è stato consegnato ad ogni studente e ai presenti il libro che raccoglie le sei storie finaliste e le tre segnalate. “Offrire un libro – sottolinea l’Assessore alla Cultura Maria Luisa Meo – è un esempio positivo, un invito alla lettura in un mondo in cui il valore “parola-pensiero” sembra sempre più insidiato da forme di comunicazione più visuali. È importante coniugare i vari modi, ma senza perdere la parola scritta e il racconto articolato che è – come ha sottolineato il Prof. Pieretti – memoria, sentimento e valori universali che caratterizzano la vita vera”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*