Palazzo Cesaroni, si conclude la mostra sulle Regie Poste. La presidente Porzi: “Un accurato lavoro di ricerca”

PERUGIA – Con la riapertura dello storico ingresso in via Baglioni 33 a Perugia e l’emissione di un apposito annullo filatelico, si è conclusa questa mattina a Palazzo Cesaroni la mostra dedicata alla riscoperta degli uffici perugini delle Regie Poste, che ebbero sede a Palazzo Cesaroni dal 1901 al 1916, nell’edificio che l’architetto Calderini aveva progettato per l’imprenditore Ferdinando Cesaroni. L’iniziativa è stata curata da Maria Luisa Martella, con il patrocinio dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, dell’Università degli Studi di Perugia, in collaborazione con lo Studio Moretti-Caselli.

Alla cerimonia conclusiva dell’evento, che si era aperto lo scorso mese di marzo, sono intervenuti tra gli altri Donatella Porzi, presidente dell’Assemblea legislativa, Mauro De Palma, Archivio Storico di Poste Italiane e Maria Luisa Martella, curatrice della mostra.

La mostra ha riportato alla luce il periodo dell’insediamento degli uffici delle Regie Poste e Telegrafi a Palazzo Cesaroni (dal 1901 al 1916), subito dopo il completamento dei lavori di costruzione dell’edificio e prima dell’apertura del lussuoso Palace Hotel. Di quel periodo sono rimaste pochissime tracce che oggi, grazie al lavoro di ricerca svolto da Maria Luisa Martella, sono state recuperate e ricomposte.

“Questo accurato lavoro di ricerca – ha sottolineato la presidente Porzi – ha ricomposto importanti tasselli della storia più remota di Palazzo Cesaroni, al tempo in cui l’imprenditore aveva deciso di accogliere all’interno dell’edificio, in accordo con la neonata modernità, gli uffici delle Regie Poste. La mostra è stata anche un omaggio all’artista Francesco Moretti, il ‘mago del vetro’. E l’importanza dell’evento viene sottolineata dalla decisione di Poste Italiane di dedicare un annullo filatelico a questa mostra. Una scelta che ci rende orgogliosi”.

“L’annullo filatelico – ha spiegato Mauro De Palma, Archivio Storico di Poste Italiane – vuole essere un riconoscimento ad una mostra che ha ricomposto un tassello della storia di Poste Italiane e della città di Perugia, e del legame profondo che le legano. L’annullo è il sugello della presenza di Poste italiane sul territorio in cui si rievoca il passato e si pensa il futuro per offrire nuovi servizi nuove opportunità”.

La mostra ha ricostruito la vicenda di un’opera incompiuta che era stata commissionata dall’imprenditore Ferdinando Cesaroni all’artista perugino Francesco Moretti: una grande vetrata artistica per la copertura del salone dei nuovi uffici postali che non venne mai portata a termine. All’interno della Sala Mostre di Palazzo Cesaroni sono stati esposti alcuni cartoni preparatori a dimensione originale della grande vetrata progettata e in parte realizzata da Moretti, oltre alle tessere in vetro recuperate e ricostruite ed un’opera dipinta con il grifo rampante della città di Perugia. La ricerca ha consentito anche di identificare l’esatta ubicazione del salone delle Regie Poste a cui si accedeva dal grande portone di via Baglioni, eccezionalmente riaperto oggi, come in occasione dell’inaugurazione della mostra il 29 marzo 2018. La mostra è accompagnata dal volume contenente, oltre al catalogo, una ricca documentazione fotografica con molte immagini inedite.

Euronews Live

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*