Il sindaco gentile e gentiluomo Marcello Torre ucciso dalla camorra

Il sindaco gentile e gentiluomo Marcello Torre ucciso dalla camorra

Il sindaco gentile e gentiluomo Marcello Torre ucciso dalla camorra La storia della camorra è disordinata, anarchica. Eppure c’è una data, l’11 dicembre del 1980, che fa da spartiacque per i clan come per l’Italia civile. Quel mattino venne ucciso a Pagani, in provincia di Salerno, il sindaco gentiluomo #MarcelloTorre. Democristiano indipendente, avvocato anche di camorristi, Torre si stava opponendo, da pubblico amministratore, a uno dei più grandiosi progetti di conquista criminale del Novecento: le mani della camorra sui lavori della ricostruzione dopo il terremoto che nemmeno venti giorni prima aveva squassato l’lrpinia.

All’incontro, organizzato da Arpa Umbria, l’Associazione Marcello Torre,Libera UmbriaCoordinamento di Libera a Salerno e Rivista micronprenderanno parte:
♦ Marcello RavvedutoUniversità degli Studi di Salerno;
♦ Annamaria Torre, figlia del sindaco Marcello Torre;
♦ Anna Garofalo, coordinamento Provinciale Libera Salerno Presidio;
♦ Walter Cardinali, coordinamento Regionale Libera Umbria;
♦ Fabrizio Ricci, coordinamento Provinciale Libera Perugia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*