Gualdo Tadino, Vittorio Sgarbi in città per presentare i restauri della Pinacoteca

sgarbiA sostegno della candidatura di “Perugia Capitale Europea della Cultura 2019”, domenica 6 aprile alla Rocca Flea, con la presenza del noto critico d’arte Vittorio Sgarbi, saranno presentati i lavori di restauro delle preziose opere esposte nella Pinacoteca civica. La città di Gualdo Tadino conserva, infatti, importanti testimonianze del Rinascimento italiano che assunse proprio in Umbria quelle declinazioni fondamentali che caratterizzarono il fenomeno a livello nazionale. Il Museo Civico Rocca Flea, organizzato all’interno della fortezza monumentalizzata da Federico II nel 1242, ospita un’interessante Pinacoteca che comprende opere provenienti in massima parte dalle chiese della zona, pienamente rappresentative della cultura figurativa di confine fra Umbria e Marche. Di notevole interesse i dipinti del capostipite della scuola locale Matteo da Gualdo, notaio e pittore, che necessitavano di improcrastinabili restauri conservativi, insieme ad altre preziosissime opere di autori che arricchiscono la sezione museale. In particolare i restauri hanno riguardato le seguenti opere: il Polittico del Maestro di Fossato, il Polittico di Matteo da Gualdo, il Polittico di Santa Margherita dello stesso maestro, il Trittico di Antonio da Fabriano, la Pala processionale di Matteo da Gualdo, la Pala di Girolamo di Matteo da Gualdo, la scultura lignea raffigurante San Sebastiano, la scultura in legno dipinto raffigurante il Crocifisso attribuita al Maestro dei Beati Becchetti, il dipinto su tela raffigurante Santa Caterina, la Pala raffigurante il Battesimo di Cristo del XVI secolo di Francesco Salviati ed il dipinto ad olio su tela raffigurante “L’annunciazione di Santa Maria degli Angeli”. Durante la manifestazione il critico Vittorio Sgarbi, presenterà anche il suo ultimo volume “Il tesoro d’Italia”, edito da Bompiani, e la recente scoperta artistica, che vede alla Rocca Flea la presenza di un’opera di Pier Francesco Mola, “Il filosofo in lettura”, precedentemente attribuito al Gherardi. Aprirà l’iniziativa il Commissario Straordinario Salvatore Grillo ed interverranno inoltre Fabio De Chirico, Soprintendente ai Beni Culturali dell’Umbria e Bruno Roberto Bruni, restauratore della Coobec. Catia Monacelli, Direttore del Museo Civico, ha espresso viva soddisfazione per questo importante lavoro di recupero: “tutelare e salvaguardare l’insieme delle risorse culturali che determinano la bellezza di un territorio e che per osmosi ne raccontano storia, ambiente, natura, arte e folklore, significa dare un futuro al nostro passato. Ringrazio sentitamente l’amministrazione comunale e la straordinaria sensibilità del Vice Prefetto di Perugia Salvatore Grillo, Commissario pro tempore della città di Gualdo Tadino, che tempestivamente si è adoperato per trovare le risorse necessarie per salvare un patrimonio artistico di indubbio valore”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*