Gran Ballo Perugia, una notte da favola, guardate che bellezza

È possibile accedere all'evento anche dopocena per assistere all'ingresso in sala dei ballerini che eseguiranno le coreografie

Gran Ballo Perugia, una notte da favola, guardate che bellezza

Gran Ballo Perugia, una notte da favola, guardate che bellezza

PERUGIA – Manca davvero poco alla notte da favola più attesa dell’Umbria! Sabato 10 marzo, a partire dalle ore 19, le porte di Palazzo Gallenga Stuart si apriranno per ospitare, la VI edizione del Gran Ballo di Perugia, evento organizzato dal Rotaract Club Perugia Est, ideato dall’ Avv. Ludovico Maria Fagugli, socio onorario dello stesso.

Il programma
Appena entrati nel palazzo, gli ospiti si troveranno sul red carpet dove il fotografo ufficiale dell’ evento, Federico Miccioni, immortalerà il loro ingresso dinnanzi al banner con i loghi degli sponsor, partner importantissimi per l’ organizzazione della manifestazione. Subito dopo l’ aperitivo di benvenuto avrà luogo la ormai usuale cena di gala, cui seguirà l’ esecuzione di quadriglie, marcia e valzer austriaco, da parte di 12 giovanissime coppie di dame e cavalieri.

Le dame e i cavalieri
Per ogni edizione dell’ evento il Rotaract Club Perugia Est, guidato quest’anno dalla presidente Ludovica Sofia Fiorini, offre ai ragazzi interessati a partecipare come ballerini, lezioni di valzer austriaco ed altre coreografie tipiche dell’ epoca dell’imperatrice Sissi, cui l’evento si ispira. Infatti, differentemente dagli altri balli organizzati in Italia, e come avviene in Austria, l’iscrizione come dama e cavaliere è gratuita: affinché tutti quanti possano partecipare ed essere protagonisti per una notte. Non occorrono particolari attitudini per la danza, solo passione e voglia di divertirsi, nonché l’ impegno di seguire i corsi.

Il Gran Ballo
“Il Gran Ballo di Perugia – spiega l’ideatore Ludovico Maria Fagugli – costituisce un esperimento di sincretismo culturale, un’occasione per riscoprire oggi, in un momento dove si stanno affievolendo le specificità culturali a vantaggio della diffusione della globalizzazione, quei valori che hanno fatto dell’Europa ottocentesca una res publica culturale e che oggi ci proponiamo di rendere una grande ‘nazione culturale’, non solo economica”.

L’eccezionale valore culturale dell’iniziativa è testimoniato dai riconoscimenti ottenuti: le prime tre edizioni del Gran Ballo di Perugia sono infatti state insignite con una Medaglia del Presidente della Repubblica quale premio di rappresentanza all’iniziativa.

Sin dalla prima edizione l’evento è stato seguito, nella sua progettazione e realizzazione, dal Console Commerciale e dall’Ambasciatore d’Austria a Roma, facendo tesoro dei preziosi consigli dell’associazione Austria-Italia Club di Milano.

La finalità filantropica
L’evento, patrocinato dall’Ambasciata d’Austria, dal Ministero dei beni culturali, delle Attività culturali e del Turismo, dal Comune di Perugia e dall’Università per Stranieri di Perugia, ha anche una finalità filantropica. Infatti il ricavato dell’evento sarà devoluto al finanziamento di borse di studio per studenti provenienti dall’estero che potranno seguire corsi di lingua e cultura italiana presso l’Università per Stranieri di Perugia.

A concludere la serata, dopo le coreografie seguiranno la degustazione della sacher gigante, open bar e dj set.

Il Gran Ballo è aperto a tutti, ma occorre prenotarsi fra il 21 febbraio ed il 6 marzo, salvo esaurimento delle disponibilità, ritirando il biglietto di partecipazione presso Bruno Valzature in via Settevalli 320, Perugia – tel 075 500 3735.

Il costo dei biglietti è di euro 45 per gli under 35 ed euro 55 per gli over 35. È possibile accedere all’evento anche dopocena per assistere all’ingresso in sala dei ballerini che eseguiranno le coreografie, acquistando il biglietto da 20 euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*