Una favola per una notte, torna a Perugia il Gran Ballo dame e cavalieri

Il Gran Ballo ha ricevuto nelle precedenti edizioni tre Medaglie del Presidente della Repubblica quale premio di rappresentanza all’iniziativa

Una favola per una notte, torna a Perugia il Gran Ballo dame e cavalieri

PERUGIA – Essere per una sera protagonisti nel mondo dorato dell’Imperatrice Sissi, ballare un valzer viennese nelle sale affrescate di Palazzo Gallenga Stuart, nel cuore del centro storico. È possibile iscrivendosi gratuitamente, entro il 24 gennaio, ai corsi di preparazione organizzati dal Rotaract Club Perugia Est. Tante le sorprese della VI edizione che si terrà il 10 marzo 2018. 

Riprende il conto alla rovescia per la sesta edizione del Gran Ballo di Perugia, in programma il 10 marzo 2018 a Palazzo Gallenga Stuart, sede dell’Università per Stranieri. A organizzarlo, anche quest’anno, è l’associazione giovanile Rotaract Club Perugia Est, guidata dalla presidente Ludovica Sofia Fiorini.

Tutti possono essere protagonisti della serata. Per debuttare all’evento, prendendo parte alle coreografie, fra cui una sulle note del Kaiser-Walzer (Valzer dell’Imperatore) di Johann Strauss, bisogna avere più di 16 anni, la voglia di partecipare ai corsi di preparazione e dare la propria adesione entro mercoledì 24 gennaio, chiamando il 345 8374903 (Mariaelda) o il 349 6863555 (Ludovica).

A differenza di altri balli organizzati in Italia e come avviene in Austria, l’iscrizione come debuttante e cavaliere è gratuita, affinché tutti possano partecipare. Alle debuttanti è unicamente richiesto di provvedere all’abito ed al biglietto di partecipazione alla serata. I corsi di Walzer per la serata sono offerti dal Rotaract Club Perugia Est.

I corsi di Walzer e portamento sono aperti a tutti, fino ai 30 anni di età, anche a coloro che non vogliono partecipare alla cerimonia di apertura del ballo e si terranno nei fine settimana a partire dal 27 gennaio.

La manifestazione è più di un semplice evento – spiega l’ideatore, Avv. Ludovico M. Fagugli – ma piuttosto un’occasione per riscoprire oggi, in un momento in cui le specificità culturali vanno affievolendosi a vantaggio della diffusione di una società globale, quei valori che hanno fatto dell’Europa ottocentesca una res publica culturale e che oggi ci proponiamo di rendere una grande nazione culturale, non solo economica”.

L’evento riprende una tradizione antica, che affonda le sue radici nella Francia del ‘700 e che, ancora oggi, fa sognare tutto il mondo. A questa tradizione ricca di fascino intramontabile si è ispirato il Rotaract Club Perugia Est nell’organizzarne l’edizione umbra a cui ogni anno partecipano oltre 400 persone di tutte le età e provenienti da tutta Italia.

Le sale affrescate di uno dei palazzi più belli e suggestivi della regione, torneranno per una sera nell’atmosfera sfarzosa ed elegante dei balli viennesi, di cui anche l’Imperatrice Sissi è stata protagonista. Si inizierà con una cena di gala, dopo la quale il ballo vero e proprio si aprirà con una coreografia delle debuttanti, le quali daranno inizio alle danze accompagnate dall’orchestra. Si uniranno poi al valzer e quadrille tutti gli ospiti, per continuare fino a tarda notte con musica anni ’70 – ’90. La serata sarà allietata da una torta Sacher gigante, da altri dolci della tradizione austriaca e open bar.

Balli come questo vengono organizzati ogni anno in moltissime città del mondo, da Tokyo a New York, da Budapest a Milano, da Dubai a Roma. Da cinque anni, al fianco di questi, c’è anche quello di Perugia, la cui unicità, rispetto alle altre versioni italiane, è la sorprendente partecipazione maschile under 25. Nella quasi totalità degli altri balli come ballerini vi sono solamente i giovani delle Accademie militari. Un fattore in più che dimostra come quest’evento umbro nasca dal desiderio appassionato dei nostri giovani di mettersi in gioco, riscoprire i valori di una splendida tradizione e renderli attuali, vivendo per passione e beneficenza tutta la magia dei valzer in perfetto stile viennese.

L’evento infatti ha una finalità filantropica e tutto il ricavato della serata sarà interamente destinato su due fronti: a sostegno delle popolazioni umbre colpite dai recenti eventi sismici ed al finanziamento di borse di studio per la frequenza di corsi di lingua e cultura italiana presso l’Università per Stranieri di Perugia.

Il Gran Ballo ha ricevuto nelle precedenti edizioni tre Medaglie del Presidente della Repubblica quale premio di rappresentanza all’iniziativa.

Sempre nelle prime edizioni la manifestazione ha ricevuto il patrocinio dell’Ambasciata d’Austria in Italia, del Consolato Generale d’Austria a Milano – Sezione Commerciale, del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Umbria, della Provincia di Perugia e del Comune di Perugia nonché dell’Università per Stranieri di Perugia. Il Gran Ballo di Perugia è aperto a tutti, ma occorre prenotarsi tra il 16 febbraio e il 2 marzo, salvo esaurimento delle disponibilità, ritirando il biglietto di partecipazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*