Corsa all’Anello, Narni torna alle origini, si rivivono tutte le ere della città

Corsa all'Anello, Narni torna alle origini, si rivivono tutte le ere della città

Corsa all’Anello, Narni torna alle origini, si rivivono tutte le ere della città NARNI – Domani, domenica 6 maggio, attraverso una nuova collaborazione che coinvolge tre delle più importati realtà rievocative dell’Umbria – l’Associazione Culturale Ocriculum, l’Ente Corsa all’Anello di Narni e l’Ente del Rinascimento di Acquasparta – sarà possibile rivivere tutte le ere della città da quando si chiamava Nequinum e subì, solo grazie a un tradimento, la conquista romana, sino ad arrivare al rinascimento passando per la Narnia prima romana poi medievale.

L’evento, intitolato “Narnia ab origine: da Nequinum a Narnia, dagli Umbri al Rinascimento”, conterà due visite guidate teatralizzate, una alle 11, l’altra alle 16.30 che  coinvolgeranno otto luoghi in ognuno dei quali si rivivrà un piccolo capitolo della lunga storia di Narni.

LEGGI ANCHE: Al via le giornate medievali

Ad accompagnare i gruppi di visita sarà Giuseppe Fortunati, narnese divenuto un vero e proprio ‘Genius Loci’ della città umbra, mentre la direzione artistica dell’evento è stata affidata al network Anticae Viae che ha coinvolto, oltre le associazioni locali, eccellenze della rievocazione storica quali: Associazione Suodales (esperti in rievocazione dell’Evo Antico), l’Associazione Decima Legio (che rievoca il periodo romano repubblicano), l’Associazione Fortebraccio Veregrense (Tardo impero e Longobado).

Il progetto, che coinvolge anche i tre Comuni di Otricoli, Narni e Acquasparta, è un primo passo verso quella che concettualmente viene già definita “La Storia dell’Umbria lungo la via Flaminia” che intende promuovere il territorio attraverso l’aggregazione di un’offerta culturale organica che si estrinseca proprio con gli eventi che tanto ci affascinano e tanto sono di appeal per turismo italiano e straniero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*