Umbria Jazz, approvata la legge in Parlamento, Laffranco, grande vittoria

MANIFESTAZIONE DI STRAORDINARIA VALENZA CULTURALE, LEGGE CHE SOSTIENE TURISMO

Umbria Jazz, approvata la legge in Parlamento, Laffranco, grande vittoria

Umbria Jazz, approvata la legge in Parlamento, Laffranco, grande vittoria

L’Umbria Jazz è un qualcosa di unico perché riesce a fondere in maniera simbiotica l’evento culturale con il luogo che lo ospita. Sarebbe difficile immaginare una manifestazione di questo genere in un posto diverso”. Lo ha detto il deputato umbro di Forza Italia, Pietro Laffranco, nell’Aula di Montecitorio, annunciando il voto favorevole del gruppo alla proposta di legge per il sostegno e la valorizzazione del festival Umbria Jazz.

L’esponente azzurro, tra i firmatari della legge, sottolinea come si tratta di “una manifestazione di straordinaria valenza culturale e anche uno strumento importante per le ricadute turistiche sull’Umbria e in particolar modo su Perugia e Orvieto, che ne ospita la stagione invernale”.

Insomma, per Laffranco, Umbria Jazz è un “evento culturale di carattere non solo nazionale ma anche internazionale che qualifica un territorio e che, in questo frangente, consente a quest’ultimo di ritrovare le forze per tornare a vivere, per risorgere dopo gli eventi drammatici del terremoto.

Questa legge – ha concluso – è anche un segnale di grande vicinanza non soltanto a chi con fatica organizza la manifestazione ma anche a tutti i cittadini dell’Umbria.”

Intervento Adriana Galgano

Umbria Jazz, Steve Lacy, sassofonista e compositore statunitense, diceva che il jazz è un virus, un virus di libertà, che si è diffuso sulla terra, “infettando” tutto ciò che ha trovato sulla sua strada: il cinema, la poesia, la pittura, la vita stessa. E, aggiungo io, anche la mia città, Perugia e la mia regione. A luglio, dunque proprio in questo periodo, Perugia è, dal 1973, splendido palcoscenico di Umbria Jazz, che ci apprestiamo a finanziare con questa legge e che è diventato negli anni uno dei festival jazz più importanti a livello mondiale”. Così Adriana Galgano, deputata del gruppo Civici e Innovatori, intervenendo in Aula durante la seduta dedicata all’approvazione della legge per il finanziamento di Umbria Jazz.

Umbria Jazz è infatti l’unico festival italiano a far parte dell’International Jazz Festival Organization, che associa le sedici principali manifestazioni di settore nel mondo ed è menzionato nelle più importanti riviste specializzate del mondo – ha detto ancora – Umbria Jazz è nato grazie al talento di un perugino appassionato di jazz e visionario di nome Carlo Pagnotta al quale siamo felici di esprimere la nostra riconoscenza, in questa Aula, per ciò che ha fatto per la città e per il jazz. Il  festival è, infatti, riuscito nella entusiasmante missione di contribuire a divulgare e rendere popolare questo genere musicale, una volta appannaggio di pochi cultori ma ha anche una significativa ricaduta economica”.

“Per queste sue due rilevanti  funzioni  è molto positivo aver inserito Umbria Jazz tra le grandi manifestazioni culturali sostenute direttamente dal ministero dei Beni e delle Attività culturali – ha ribadito Galgano – Il finanziamento che noi stanziamo oggi avrà su Perugia e sull’Umbria un effetto moltiplicativo indispensabile in questo difficile momento”. “L’edizione 2017 di Umbria Jazz che sta per iniziare – ha aggiunto – sarà veramente internazionale perché prevede la partecipazione di artisti che provengono da tutto il mondo. Noi Civici e Innovatori votiamo convintamente a favore di questa legge e – ha concluso la deputata, citando Louis Armstrong – ‘Cos’è il Jazz? Amico, se lo devi chiedere, non lo saprai mai’. Perciò venite a Perugia a scoprirlo”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*