Jazz, Perugia proseguono eventi musica afroamericana

Umbria Jazz attira ogni anno spettatori da ogni angolo del mondo

Jazz, a Perugia proseguono eventi musica afroamericana

Jazz, Perugia proseguono eventi musica afroamericana

Da decenni la città di Perugia è legata a doppio filo con la musica jazz. Il calendario degli eventi dedicati a questo genere musicale è infatti molto fitto e sempre impreziosito da numerosi grandi nomi della scena mondiale. Uno dei principali attori della vita jazzistica perugina è il Jazz Club Perugia, che anche quest’anno è riuscito a portare sul prestigioso palcoscenico dell’Auditorium Jazz Area dell’Hotel Giò artisti di caratura internazionale. Nel concerto di chiusura della stagione invernale, tenutosi lo scorso 7 aprile, si sono esibiti due veterani della musica italiana, Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura, che per l’occasione hanno riproposto i brani del loro ultimo disco “In maggiore”.

Ma l’appuntamento musicale più atteso da appassionati e non è senza dubbio l’Umbria Jazz, che dal lontano 1973 si svolge annualmente a Perugia. L’edizione 2016, che si terrà dall’8 al 17 luglio prossimi, ha in programma concerti straordinari che vedranno protagonisti nomi del calibro di Diana Krall, Mika, Pat Metheny e Stefano Bollani. Ad aprire il festival sarà Massimo Ranieri con l’accompagnamento di Enrico Rava (tromba e flicorno), Stefano di Battista (sax alto e sax soprano), Rita Marcotulli (pianoforte), Stefano Bagnoli (batteria) e Riccardo Fioravanti (contrabasso). Il cantautore napoletano proporrà alcuni pezzi fondamentali della canzone partenopea contenuti nel suo album “Malìa – Napoli 1950-1960”.

L’Umbria Jazz attira ogni anno spettatori da ogni angolo del mondo ed è un momento importante anche per il settore turistico dell’intera regione. Non è quindi un caso che sia stato recentemente inserito tra i migliori 100 festival musicali d’Europa anche dal sito di viaggi GoEuro. Secondo questa classifica, l’Umbria Jazz si piazza al primo posto per quanto riguarda i festival per famiglie e al terzo posto nella graduatoria dei più importanti appuntamenti di musica alternativa. Quello dei festival musicali è d’altronde un trend in forte ascesa e mobilita un numero sempre maggiore di partecipanti in tutta Europa. Basta dare un’occhiata alle cifre: il Tomorrowland, che si svolgerà a Boom (Belgio) dal 22 al 25 luglio, richiamerà ben 360 mila persone, mentre per il famoso Sziget (Budapest, Ungheria) si prevedono addirittura 441mila visitatori.

In questa top 100 sono presenti anche altri festival italiani come il Rock in Roma (8 giugno – 30 luglio), lo Sherwood Festival di Padova (8 giugno – 16 luglio) e il Lucca Summer Festival (9-27 luglio), che animeranno l’estate italiana a suon di musica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*