Cominciare da ricostruzione per fermare declino, dice Filippo Ciavaglia Cgil

Per invertire questo trend serve uno sforzo importante

Cominciare da ricostruzione per fermare declino, dice Filippo Ciavaglia Cgil
Filippo Ciavaglia

Cominciare da ricostruzione per fermare declino, dice Filippo Ciavaglia Cgil

Come ha già sottolineato il nostro segretario regionale Vincenzo Sgalla, commentando i dati sul Pil delle regioni recentemente pubblicati da il Sole24Ore, la dimensione del declino economico subito dall’Umbria negli anni della crisi è impressionante. Un declino che ha violentemente allargato la forbice già esistente con le regioni vicine, in particolare la Toscana, come bene evidenziato anche in un recente studio dell’Aur su «Le anime economiche dell’Italia centrata», anime che si allontano sempre più.

Guardando al Pil pro capite nel 1995 la differenza tra Umbria e Toscana era di soli 5 punti percentuali, nel 2015 siamo arrivati a 20 punti. Di fatto, da un punto di vista economico non siamo più agganciati al treno del Centronord, ma siamo scivolati in coda, tra i vagoni del Sud.

Per invertire questo trend serve uno sforzo importante, che deve necessariamente partire dal rilancio del sistema produttivo privato, del nostro manifatturiero.

Da questo punto di vista la ricostruzione post terremoto può rappresentare un’opportunità da cogliere, tenendo sempre in mente l’esperienza del 1997, quando, ad esempio per Foligno, la ricostruzione ha coinciso anche con un importante sviluppo industriale e produttivo.
Sisma, riunito Comitato istituzionale ricostruzione Preci, Norcia e Cascia
Catiuscia Marini

Come abbiamo già avuto modo di dire, riteniamo necessario agire contemporaneamente su tre livelli: curare la coda dell’emergenza (che purtroppo non è finita), avviare la ricostruzione (ancora ferma al palo), ma contemporaneamente elaborare un progetto non solo per la Valnerina (contrastando in primis il rischio di spopolamento), ma per l’intera regione.

 Intanto, però, c’è un’emergenza da affrontare immediatamente: quella della restituzione della busta paga pesante. I termini introdotti con le ultime norme hanno prorogato al 31 dicembre 2017 la durata del beneficio, ma hanno al contempo previsto che la restituzione avvenga in 9 rate mensili a decorrere dal 16 febbraio 2018.
 
Solo nove mesi, quindi, per restituire integralmente gli importi di Irpef sospesa. Questo significherà per i lavoratori delle zone colpite un abbattimento insostenibile del proprio reddito. Chiediamo ai Parlamentari umbri di sollecitare un intervento nella prossima legge di bilancio per scongiurare questo ulteriore colpo per la nostra regione.
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*