Triathlon al Lago Trasimeno, è in programma domenica

TriathlonPerugiaDi corsa, a nuoto, in bicicletta nel Parco del Lago Trasimeno per divertirsi, sfidarsi e sostenere la lotta alla Sla (Sclerosi Laterale Amiotrofica): domenica prossima sul Lago Trasimeno, a Monte del Lago, si disputa il primo “Triathlon del Monte”, organizzato dal Gruppo Quadrifoglio per raccogliere fondi a sostegno di AISLA, l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, da 31 anni a fianco dei malati di Sla.
L’iniziativa fa parte delle attività promosse in occasione della campagna mondiale di sensibilizzazione sulla Sla culminata nella Giornata Mondiale del 21 giugno dedicata a questa malattia.
A Monte del Lago andrà in scena una competizione di “cross triathlon”, riconosciuta dalla Federazione Italiana Triathlon (F.I.Tri), che mette insieme tre discipline, il nuoto, la mountain bike e la corsa.
Gli organizzatori del Gruppo Quadrifoglio hanno predisposto due percorsi: uno più corto, lo “Sprint MTB” con 750 metri di nuoto (pari a 30 vasche in una piscina da 25m), 12 km di mountain bike (400 metri di dislivello) e 5 km di corsa (lungolago, senza dislivello) e uno più impegnativo, lo “X Country” che prevede 1500 metri a nuoto, 24 Km in bicicletta e 10 Km di corsa. La competizione inizierà alle 10.00.
Sul sito www.gruppoquadrifoglio.it tutte le informazioni.

I fondi raccolti con le iscrizioni, 45 € ad atleta per chi si è iscritto entro il 31 maggio e 55 € per gli iscritti entro il 19 giugno, ultimo giorno disponibile per l’iscrizione, saranno devoluti ad AISLA impegnata da oltre 30 anni nell’assistenza ai malati di Sla. L’associazione, attiva in tutta Italia con 60 sezioni locali, è presente in Umbria dal 2006. La sezione umbra di AISLA segue 60 pazienti e famiglie. Anche grazie ai fondi raccolti nelle iniziative sul territorio, come il “Triathlon del Monte”, AISLA Umbria potrà riproporre i servizi di assistenza psicologica e fisioterapica gratuita a domicilio per i malati di Sla, già portati avanti negli ultimi due anni.
AISLA in Umbria dialoga con le istituzioni locali per portare alla loro attenzione le esigenze assistenziali dei malati di Sla sul territorio. Questa attività ha portato ad esempio all’apertura di un tavolo tecnico regionale permanente sulla Sla.

Per tutto il mese di giugno, i volontari di AISLA hanno promosso e promuoveranno in tutta Italia numerose iniziative in occasione della campagna mondiale di sensibilizzazione sulla SLA che è culminata nella Giornata mondiale (Global Day) del 21 giugno, promossa dalla rete internazionale di associazioni che si occupano di questa patologia (www.alsmndalliance.org). Molte di queste iniziative sono a carattere sportivo: quest’anno infatti il Global Day è stata l’occasione per coinvolgere il mondo dello sport e i suoi protagonisti perché si facessero promotori di una campagna di sensibilizzazione sui social network che ha come slogan un invito al “gioco di squadra”: “One global Team, One Goal”, declinata in Italia con “Una squadra, un obiettivo: battere la SLA”.
In Italia hanno dato il loro contributo diversi calciatori come Gianluca Vialli e Paolo Rossi, il neoacquisto del Milan, Michael Agazzi e i giocatori del Palermo Andrea Belotti e Enzo Maresca le cui foto e video con l’appello per sostenere la lotta alla SLA sono state postate sul profilo Twitter di AISLA (@aislaonlus) e sulla pagina Facebook creata per l’occasione facebook.com/aisla.globalday.

AISLA Onlus
nasce nel 1983 con l’obiettivo di diventare il soggetto nazionale di riferimento per la tutela, l’assistenza e la cura dei malati di SLA, favorendo l’informazione, la ricerca e la formazione sulla malattia e stimolando le strutture competenti a una presa in carico adeguata e qualificata dei malati. L’Associazione attualmente conta 60 rappresentanze territoriali in 19 regioni italiane e circa 1636 soci grazie al lavoro di oltre 200 volontari e di 8 collaboratori.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*