Traffico paralizzato, gli ultrà del Perugia non arrivano allo stadio Piola

un incidente avvenuto al km 89 della A1 Milano-Bologna, poco dopo l'uscita Fidenza-Salso, in direzione Milano

Traffico paralizzato, gli ultrà del Perugia non arrivano allo stadio Piola

Traffico paralizzato, gli ultrà del Perugia non arrivano allo stadio Piola

di Antonello Ferroni
Autentica disavventura per una trentina di tifosi del Perugia che oggi avrebbero voluto seguire la squadra in trasferta a Vercelli. Partiti intorno a mezzogiorno, i tifosi dei gruppi della curva Nord (in particolare si tratterebbe di componenti di Ingrifati e Brigata Ultrà) sarebbero stati costretti a rimanere per la bellezza di tre ore incolonnati in fila nel traffico, paralizzato da un importante incidente sulla A1.

Foto Autostrade spa

Poco dopo l’uscita Fidenza-Salso

Si tratta in particolare di un incidente avvenuto al km 89 della A1 Milano-Bologna, poco dopo l’uscita Fidenza-Salso, in direzione Milano, che ha visto coinvolti diversi veicoli e almeno quattro automobili con un bilancio di tre feriti lievi. Tanto è bastato per far sì che si formassero addirittura 17 km di coda con importanti ripercussioni anche sulla viabilità ordinaria.

E tanto è bastato ovviamente per impedire ai ragazzi dei gruppi di arrivare al ‘Piola’ in tempo per il fischio: i tifosi del Perugia sono rimasti incolonnati per tre ore e sono riusciti ad arrivare allo stadio ‘Piola‘ soltanto in occasione dei minuti finali, quando molti di loro hanno preso la decisione di non entrare (si era già sull’1-0 per il Perugia) pare per motivi scaramantici. È in ogni caso ha funzionato, vista la straordinaria vittoria ottenuta dai grifoni che si sono imposti alla fine per 2-0.

Una bella consolazione per chi, soltanto il 3 marzo scorso, aveva trascorso un’altra giornata da incubo sulle strade italiane per raggiungere Vercelli, facendo marcia indietro a metà del viaggio e anche oltre una volta conosciuta l’ufficialità del rinvio della sfida a causa delle condizioni climatiche e della neve che stava accadendo copiosa.

Una sessantina ce l’hanno fatta

Al ‘Piola‘ sono comunque arrivati una sessantina di tifosi del Perugia che hanno fatto sentire la loro voce in maniera importante per tutti e 90 i minuti, c’erano i tifosi del coordinamento  e forse per la prima volta nella storia da molti anni a questa parte erano assenti proprio i gruppi organizzati. Tra i tifosi presenti, almeno una decina sono arrivati dal Nord Italia, simpatizzanti biancorossi giunti a Vercelli da Milano a Genova fino a Vigevano. E c’è una ulteriore curiosità: i supporter del Perugia hanno simpatizzato… con un raccattapalle.

Da Casa del Diavolo

Pare infatti che uno dei ragazzi che curavano il recupero dei palloni a bordo campo durante la partita fosse nativo di Casa del Diavolo e trasferito a Vercelli con la famiglia, nonché componente del settore giovanile della società piemontese.

Nella giornata di oggi un fiume di gente si è andata a riversare nelle arterie principali della penisola. E che sia stata una giornata davvero da incubo per le condizioni del traffico lo testimonia il fatto che anche durante il viaggio di ritorno i tifosi del Perugia hanno dovuto affrontare lunghe code a causa di un altro gravissimo incidente stavolta sulla A 21, all’altezza di Piacenza. Nel momento in cui scriviamo il viaggio di ritorno è ancora in corso ma pare che le difficoltà siano superate.

Grazie all’ennesima impresa di Di Carmine e compagni, il viaggio di ritorno dei tifosi – ancora in corso nel momento in cui scriviamo – è dunque meno amaro di come poteva essere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*