Tiro a volo, prosegue la Fazz’a Green Cup

Prosegue la Fazz’a Green Cup sulle pedane del Tav Umbriaverde –Todi ed i protagonisti delle ultime due gare disputate sono gli specialisti di Skeet e quelli di Double Trap, che tornano in gara dopo il debutto dello scorso 22 agosto.

Partendo dalla competizione di Skeet, a vincere è stato il bicampione Olimpico e bicampione Mondiale Vincent Hancock. Primo nelle qualificazioni, grazie all’unico 123/125, l’americano ha dovuto faticare non poco per meritarsi l’accesso al medal match più importante e affrontare l’azzurro Valerio Luchini, già qualificato per il Gold match grazie al perfetto 16/16 ottenuto in semifinale. Per scendere in pedana contro il nostro, Campione Europeo 2013 e vincitore della medaglia d’argento alla Coppa del Mondo di Pechino di quest’anno, Hancock ha dovuto regolare in un lungo shoot-off il francese Anthony Terras, medaglia di bronzo ai Giochi di Pechino 2008, battendolo con lo score di +16 a 15.

Nello scontro al vertice l’americano è stato perfetto e si è preso l’oro con 16/16, mentre il Carabiniere romano è inciampato in due errori e con 14/16 si è dovuto accontentare dell’argento. Terzo sul podio il francese Emmanuel Petit, vincitore del duello per il bronzo contro il connazionale Terras, finito giù dal podio con 16 a 13.

Tutto italiano il podio Juniores. Sul gradino più alto è salito Elia Sdruccioli (Forestale) di Ostra (AN), medaglia d’oro dopo aver regolato, senza non poca soddisfazione, il Campione del mondo e Campione Europeo Juniores 2013 Domenico Simeone (Fiamme Oro) di Baia e Latina (CE). I due si sono eguagliati con un quasi perfetto 15/16, sia in semifinale che nel medal match, costringendosi ad uno spareggio, vinto dal marchigiano con +4 a +3.

Ancora Italia sulla vetta del podio a Squadre. A meritarsi la medaglia più preziosa sono stati Marco Sablone (Fiamme Oro) di Roma, Valerio Andreoni (Esercito) di Palombina Nuova (AN) ed Emanuele Fuso (Esercito) di Spello, autori di un buon 354/375. Con lo stesso punteggio, ma peggior ultima serie, l’argento è andato ai francesi, Terras, Petit ed Eric Delaunay. Sul terzo gradino del podio il team azzurro formato da Valerio Luchini, Giancarlo Tazza (Fiamme Oro) di Caserta e Christian Eleuteri (Forestale) di Latina con il totale di 352.

Per quanto riguarda la seconda competizione di Double Trap, dopo la vittoria nella prima gara dell’azzurro Antonio Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe, anche questo secondo match ha avuto come dominatore un italiano. A meritarsi la vetta del podio è stato Alessandro Chianese. Classe 1990, originario di Casadnrino (NA), il tiratore della Marina Militare ha dato prova di carattere. Entrato in semifinale con il punteggio di 141/150, secondo migliore dopo l’americano Glenn Eller, primo assoluto con 147, l’azzurro ha meritato l’accesso al gold match con un quasi perfetto 29/30, eguagliato solo da Giuseppe Ciavaglia (Fiamme Oro) di Borgo San Michele (LT). Anche nello scontro diretto i due si sono eguagliati, siglando un identico 27/30 e, per dirimere la questione, è stato necessario uno spareggio, vinto dal campano con un rapido +2 a +1. Con loro sul podio il russo Vitaly Fokeev, Campione del Mondo a Zagabria 2006 e quinto classificato ai Giochi Olimpici di Londra 2012, medaglia di bronzo con 29 a 27 contro lo slovacco Hubert Andrzej Olenik.

Chianese ha bissato l’oro anche sul podio a squadre, aiutato nell’impresa da Emanuele Bernasconi (Forestale) di Palombara Sabina (RM) e da Marco Innocenti di Montemurlo (PO), che hanno scalato la vetta grazie al punteggio di 412/450. Sulla piazza d’onore la seconda compagine azzurra formata da Antonino Barillà, Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Terracina (LT) e da Davide Gasparini (Esercito) di Gabicce Mare (PU) con 410. Terzi gli inglesi con lo score totale di 401.

Infine, tra gli Junior si è imposto Andrea Vescovi (Fiamme Oro) di Città di Castello. Il perugino, dopo essersi meritato la semifinale con 131/150, quarto miglior punteggio delle qualificazioni, non ha concesso più nulla a nessuno. Prima si è guadagnato il gold match con un quasi perfetto 29/30 e ha, poi, agguanto l’oro con l’en-plein (30/30). Alle sue spalle l’argento se lo è messo la collo Lorenzo Ferrari di Provagli d’Iseo (BS), mentre il bronzo è volato in Inghilterra con Max Jeffrey.

Domani, martedì 26 agosto, le pedane del Tav Umbriaverde ospiteranno gli allenamenti ufficiali di Fossa Olimpica, i cui specialisti saranno impegnati nella gara mercoledì 27 e giovedì 28. Già al lavoro con gli allenamenti liberi tutti i big della specialità, come la Campionessa Olimpica e bicampionessa Mondiale ed Europea Jessica Rossi, il quattro volte iridato e tre volte medagliato olimpico Giovanni Pellielo e la medaglia d’argento a Londra 2012 Massimo Fabbrizi.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*