Tiro a volo, Campionato europeo, l’umbra Katiuscia Spada 15esima

Katiuscia Spada ai Giochi Olimpici
Katiuscia Spada ai Giochi Olimpici

Katiuscia SpadaSarlosposzta (HUN) – 15esimo posto per l’umbra Katiuscia Spada, in forza al Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro, impegnata nel campionato europeo in corso a Sarlospuszta (HUN).Quando il gioco si fa duro, le mamme iniziano a giocare. Dopo il titolo Europeo conquistato da mamma Deborah Gelisio nella Fossa Femminile, anche nella gara di Skeet Femminile l’oro penzola al collo di una super mamma. E’ Chiara Cainero, trentasei anni agente del Corpo Forestale dello Stato, da appena cinque mesi mamma del piccolo Edoardo.
La Campionessa Olimpica di Pechino 2008 si conferma Regina d’Europa e mette in bacheca il quarto titolo continentale della sua carriera. Un risultato che diventa ancora più importante se si pensa che lo scorso anno, proprio dopo la conquista del terzo titolo, Chiara lasciò le pedane per la maternità e, poco meno di un anno dopo, la ritroviamo nuovamente sulla vetta del podio.
“E’ stata una gara anomala perché non siamo abituate a gareggiare in due giorni – spiega subito dopo la finale – Ho iniziato male con il 22 della prima serie, probabilmente distratta da un cameraman un po’ troppo invadente, ma poi mi sono rimessa in corsa con il 25 della seconda. Stamattina sono arrivata al campo convinta che con 71 la semifinale sarebbe stata certa e quando ho chiuso con 70 mi sono sentita fuori. Fortunatamente, anche le altre tiratrici non sono state perfette e mi sono ritrovata a spareggiare per entrare. A questo punto non potevo lasciarmi sfuggire unì’occasione così ghiotta”.
Visto il risultato finale, l’azzurra di Cavalicco di Tavagnacco (UD) ha centrato pienamente l’obiettivo. “Sono davvero soddisfatta di come ho sparato nella semifinale e nel medal match per l’oro – continua a raccontarci – Questa era l’ultima occasione per mettermi alla prova prima dell’appuntamento con il Mondiale e con le Carte Olimpiche. Due 15 sono un ottimo risultato e mi danno la certezza di essere sulla strada buona. A dire il vero anche l’oro non mi dispiace affatto. E’ un bel regalo per Edoardo, che a soli cinque mesi, ha già all’attivo due ori europei: il primo l’ha vinto quando era ancora nella mia pancia, il secondo ora che è a casa ad aspettarmi. In realtà, oltre che al Gruppo Sportivo Forestale e alla Federazione, che anche in un momento di crisi come questo mi sostengono sempre, la dedica di questo quarto titolo va al mio splendido marito Filippo e al clan delle nonne e dei familiari, grazie alla cui collaborazione posso allontanarmi da casa con la tranquillità che tutto sia sotto controllo”.
Per arrivare all’oro super mamma Chiara ha regolato nello scontro diretto la francese Veronique Girardet con lo score di 15 a 14. Terza sul podio la slovacca Danka Bartekova, vittoriosa con lo stesso punteggio sulla giovane cipriota Panagiota Andreou.
Fuori dai giochi per le medaglie sono rimaste le altre due azzurre in gara. La toscana Diana Bacosi, tiratrice dell’Esercito, nella serie di oggi ha commesso tre errori, che sommati ai tre di ieri l’hanno fermata in 14ª posizione con 69. Facendo un passo indietro nella classifica troviamo l’umbra Katiuscia Spada, in forza al Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro, che con il 23 di oggi è salita fino a quota 68 meritandosi la 15ª piazza.
Per le tre tiratrici del DT Benelli è arrivata, comunque, la medaglia d’argento a squadre con lo score totale di 207/225. L’oro è stato delle slovacche con 208, mentre il bronzo delle inglesi con 204.
Dopo la delusione mondiale arrivata ieri pomeriggio dal calcio azzurro, questi risultati risollevano le quotazioni sportive azzurre. “Non ho seguito tutta la partita – confida Chiara – Abbiamo finito di gareggiare tardi e sono riuscita a vedere solo parte del secondo tempo mentre mi allenavo sul tapis roulant. Da tifosa italiana sono molto dispiaciuta di questa eliminazione, ma forse questo fallimento darà il via ad una riflessione generale. A me, su due piedi, ne viene una. Io e le mie compagne di squadra siamo tutte mamme. Oltre alla gestione quotidiana della famiglia e dei figli, ci alleniamo come professioniste serie, dedicando al nostro sport tutto il tempo che ci rimane. Purtroppo, malgrado gli ottimi risultati che sempre portiamo a casa, non veniamo considerate nemmeno un milionesimo rispetto a quello che vengono considerati i calciatori. Senza parlare, poi, dei riconoscimenti economici, che non hanno nessuna possibilità di paragone”.
Tornando alla gara, tra le Junior, Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri ha chiuso in quarta posizione. L’unica azzurra in gara in questo comparto si è difesa bene, seppur non molto aiutata dalla fortuna. Entrata in semifinale con il punteggio di 67/75, nella manche decisiva per i medal matches si è fermata ad 11, centrando lo scontro diretto per il bronzo contro la russa Victoria Ostapets. Le due si sono alternate al comando fino all’ultima pedana, quando un errore dell’azzurra nell’ultimo piattello la fa scendere definitivamente dal podio e regala la medaglia alla russa.
“Sono soddisfatto di tutte le mie ragazze – dice il Direttore Tecnico Andrea Benelli – Il quarto posto di Chiaretta (Di Marziantonio, ndr), l’argento a squadre delle ragazze e lo splendido oro di Chiara (Cainero, ndr). Risultati eccellenti che ci stimolano a fare ancora meglio. Chiara è una tiratrice ed una professionista meravigliosa. E’ tornata a gareggiare a pochissima distanza dalla maternità e lo ha fatto alla grande. E’ davvero eccezionale”.
Passando al comparto maschile, oggi in gara con soli 25 piattelli. La classifica Senior vede in testa il russo Valery Shomin, unico ad aver centrato un perfetto 75/75, seguito a ruota da Riccardo Filippelli (Carabinieri) di Pistoia con 74/75 e da Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS) e Tammaro Cassandro (ITA) di Caserta, entrambi con 73.
Tra gli Junior, il primo posto provvisorio è di Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT), solo in testa con 74/75, due piattelli in più del migliore degli inseguitori, mentre gli altri due azzurri sono rimasti nella parte bassa della classifica: Domenico Simeone (Fiamme Oro) di Baia e Latina (CE) è a 68 e Christian Benet di Trieste è a 66.
Per loro la gara terminerà domani con gli ultimi 50 piattelli di qualificazione, la semifinale ed i medal matches. Le fasi finali saranno in diretta streaming su www.esc-shooting.org a partire dalla ore 16.15.

RISULTATI

Finale Skeet Femminile: 1ª Chiara Cainero (ITA) 70/75 (+4) – 15/16 – 15/16; 2ª Veronique Girardet (FRA) 71 – 14 – 14; 3ª Danka Bartekova (SVK) 73 – 13 – 15; 4ª Panagiota Andreou (CYP) 70 (+4) – 13 – 14; 5ª Therese Lindqvist (SWE) 70 (+4) – 12; 6ª Albina Shakirova (RUS) 72 – 12; 14ª Diana Bacosi (ITA) 69; 15ª Katiuscia Spada (ITA) 68.

Finale Skeet Junior Femminile: 1ª Alina Fazylzanova (RUS) 66 – 12 – 12; 2ª Veronika Sykorova (SVK) 66 – 13 – 11; 3ª Victoria Ostapets (RUS) 68 – 9 – 14; 4ª Chiara Di Marziantonio (ITA) 67 – 11 – 13; 5ª Veronika Milcheva (UKR) 64 (+2) – 8; 6ª Kerime Dokuzlar (TUR) 64 (+2) – 5.

Qualificazione Skeet Maschile: Valery Shomin (RUS) 75/75; Riccardo Filippelli (ITA) 74/75; Luigi Lodde (ITA) 73; Tammaro Cassandro (ITA) 73.

Qualificazione Skeet Junior Maschile: Gabriele Rossetti 74/75; Domenico Simeone (ITA) 68; Christian Benet (ITA) 66.

Squadra Skeet Femminile: 1ª SLOVACCHIA 208/225; 2ª ITALIA 207; INGHILTERRA 204.

LA SQUADRA AZZURRA DI SKEET

Men: Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta; Riccardo Filippelli (Carabinieri) di Pistoia (PT); Luigi Agostino Lodde (Esercito) di Ozieri (SS).

Men Junior: Christian Benet di Trieste; Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT); Domenico Simeone (Fiamme Oro) di Baia e Latina (CE).

Women: Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI); Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD); Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR).

Women Junior: Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri.

Commissario Tecnico: Andrea Benelli.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*