Primi d'Italia

Tiro a Segno, Alfredo Massinelli, record italiano

massinelliPERUGIA – Il Coni regionale e la delegazione di Perugia si complimenta con Alfredo Massinelli che ha eguagliato il record italiano nella “carabina libera a terra” nell’ambito della 4^ gara regionale Federale di Tiro a Segno che si è svolta a Perugia. Partenza alla grande per i tiratori di casa In questi giorni 26/27 Aprile  e 03/04 Maggio presso il poligono di Perugia di Borgo XX Giugno 28 sono in svolgimento le gare di tiro per la 4^ prova del Campionato Regionale, valide per l’ammissione ai prossimi Campionati Italiani di Luglio.

 

Numerosa come sempre la partecipazione di tiratori provenienti dalla regione e complice anche il tempo più che clemente, nonostante le previsioni, risultati nel complesso di buon livello. Già dal Sabato, primo giorno di gara, dai  tiratori di carabina locali giungevano i primi risultati di rilievo: Billi Enrico nella tre posizioni faceva registrare un ottimo 567 mentre la squadra femminile Juniores di carabina a metri 10 confermava il buon momento con l’ottimo 377 di Emily Centogambe e  il bel 367 di Chiara Chiucchiù. Lo junior Giulio Curti chiudeva anche lui con un buon 369. Non da meno i risultati dei tiratori senior di carabina a metri 10 dove a guidare la classifica sono i tiratori perugini  Massimo Spaccini e Luca Miazza a pari merito con un rotondo 385 per entrambi. Già questi risultati, anche se raccolti solo nel primo giorno di gara giustificavano la soddisfazione del presidente della Sezione perugina, Marco Billi, ma quello che è accaduto il secondo giorno di gara, la Domenica mattina nel turno delle 12 supera ogni più lusinghiero risultato in quanto concretizza il sogno di ogni atleta e di ogni dirigente sportivo. Alle ore 12 infatti iniziava il turno di “carabina libera a terra” 60 colpi da tirare nel tempo di un’ora con il bersaglio posto alla distanza di 50 metri, una delle gare più antiche ed affascinanti del nostro sport.

 

Per i nostri colori scendevano in pedana la giovanissima Emily Centogambe  e Alfredo Massinelli, di sicuro il tiratore di specialità più forte della Sezione. Massinelli, classe 65, oggi non si allena più come un tempo, come quando vinti i nazionali dei giochi della gioventù a  dieci anni ha seguitato poi a fare per un lungo periodo,  ma il feeling con la sua carabina è oramai così consolidato e la tecnica così assimilata che ad ogni gara sa regalarci sempre prestazioni di altissimo livello. Nessuno però poteva aspettarsi tanto, una serie infinita di centri, 60 colpi tutti perfettamente centrati dentro un dieci che misura 10,4 millimetri ed è posto al centro di un bersaglio distante 50 metri, 600 su 600 il massimo punteggio realizzabile con ben 43 colpi talmente perfetti da essere valutati come “mouche” cioè entro i 5 millimetri del dieci. Per lui record italiano eguagliato e una soddisfazione infinita mista ad una sensazione di incredulità per l’impresa appena realizzata . Questo risultato ha oscurato il pur ottimo 577 della giovanissima Emily Centogambe la quale però nella consapevolezza di aver condiviso la pedana con un campione di tale livello avrà indelebile il ricordo di questa giornata memorabile.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*