Tiro con l’arco, presentati i Mondiali 3D di Terni

Presentati questa mattina nella Sala Giunta del Coni nazionale a Roma i “3D Archery World Championships 2015” che si svolgeranno a Terni, presso parco naturalistico della Cascata delle Marmore, dal 29 agosto al 5 settembre prossimi.

Presenti alla cerimonia di presentazione dell’evento il vice presidente del Coni Nazionale Luciano Buonfiglio (che è anche presidente nazionale Federazione Italiana Canoa e Kajak), il segretario Generale del Coni Roberto Fabbricini, il presidente della Fitarco e Vice Presidente World Archery Mario Scarzella, il presidente del Comitato Organizzatore Stefano Tombesi, il presidente del Coni Umbria Domenico Ignozza ed il vice presidente Moreno Rosati, il sindaco di Terni Leopoldo di Girolamo, l’assessore comunale allo sport Emilio Giacchetti, l’assessore uscente allo sport della Regione Umbria Fabio Paparelli e il vice presidente della Fondazione Carit Francesco Quadraccia.

Dopo il grande successo ottenuto con l’organizzazione nel 2013 dell’European Field Archery Championships, Terni e i suggestivi scorci del suo territorio ospiteranno ancora una manifestazione arcieristica annoverata tra le più importanti che una nazione possa ospitare a livello mondiale. I boschi mediterranei e i prati della provincia ternana faranno dunque da scenario a questa affascinante disciplina che trova proprio nella natura il suo ambiente ideale. Dunque riflettori puntati sul parco naturalistico della Cascata delle Marmore dove gareggeranno 30 squadre provenienti da tutti i continenti, alla presenza delle televisioni internazionali.  Ad organizzare la manifestazione è chiamata ancora una volta l’Asd Arcieri Città di Terni con il supporto del Coni e delle istituzioni locali.

“Si tratta di una manifestazione di grande valore tecnico in una location, quella della Cascata della Marmore di Terni di straordinario valore storico e turistico – ha commentato Roberto Fabbricini – Il Coni ovviamente sarà presente in grande stile”.

“E’ un evento di grande pregio sportivo e ambientale – ha spiegato Luciano Buonfiglio – che oltre a favorire la pratica di uno sport bello e entusiasmante coniuga in modo perfetto il binomio sport e ambiente come peraltro fa la canoa”.

“Gli atleti della Fitarco si stanno facendo valere in tutte le competizioni internazionali, anche grazie Fiamme Azzurre e Areonautica Militare, ed avranno modo dunque si farsi valere anche in questa competizione – ha ricordato il presidente Mario Scarsella – Rivolgo un grazie particolare alla città di Terni, al Sindaco e alle istituzioni per la grande collaborazione dimostrata. Un plauso sentito a Stefano Tombesi per aver completato con il mondiale un percorso straordinario e coraggioso, passando dall’organizzazione di eventi nazionali, europei ed ora questo mondiale. I 600 atleti che per circa otto giorni animeranno la città rappresenteranno certamente un volano all’economia del territorio. Da parte della Federazione c’è grande impegno in ambito mondiale, anche con le qualificazioni di Copenhagen per ottenere l’accesso per le prossime Olimpiadi di Rio”.

In grande fermento il Comitato Organizzatore, presieduto da Stefano Tombesi.

“Siamo pronti per affrontare nel migliore dei modi la sfida organizzativa – ha dichiarato – accogliendo nel miglior modo possibile le delegazioni e puntando molto sul progetto dell’Archery Village, ambiente che riuscirà a favorire l’ospitalità di numerose presenze da fuori della realtà comunale, dove peraltro saranno presenti con una rappresentanza tutti gli sport che afferiscono al Coni. Vorrei ricordare che le gare si svolgeranno dal 1 al 5 settembre precedute dall’apertura con il corteo storico di grande valore anche culturale”.

“Terni è orgogliosa di ospitare un mondiale di tiro con l’arco – ha spiegato il sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo – La nostra città ha due sedi nazionali, quelle della federazione canottaggio e del tennistavolo – ha proseguito – ma da tempo ha preso coscienza delle potenzialità della federazione tiro con l’arco . La proposta del mondiale è stata accolta con entusiasmo anche sulla scorta dell’esperienza dei campionati europei. La Cascata delle Marmore oltretutto può essere uno straordinario volano per lo sviluppo di attività sportive di rilievo e per l’economia del territorio. Abbiamo lavorato infatti anche per migliorarne la qualità dei servizi. Arcery  Village troverà poi la sua ubicazione nel centro della città, in uno spazio che solo pochi anni fa era una ferita aperta, e che oggi invece è un gradevole parco urbano lungo il fiume Nera, che si presta splendidamente per attività come questa”.

“La Regione dell’Umbria ha stipulato un protocollo con il Coni regionale per promuovere l’organizzazione di eventi sportivi di livello assoluto e mondiale e la manifestazione che oggi presentiamo ne rappresenta il miglior esempio –ha sottolineato l’assessore Fabio Paparelli – Anche grazie a questa organizzazione l’Umbria si pone all’attenzione del Coni Nazionale, per poter essere partner affidabile anche in occasione delle Olimpiadi 2024 nel caso in cui Roma si aggiudicasse il titolo organizzativo”.

Presente anche il vice presidente della Fondazione Carit Francesco Quadraccia, che ha dato il suo apporto anche economico all’evento. “Lo sport va inteso come motore dell’economia – ha specificato – Per questo la Fondazione Carit (Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni) ha inteso garantire un adeguato sostegno”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*