TERNI, STRAGE DI BOLOGNA, A 33 ANNI MOVIMENTO PODISTICO PER NON DIMENTICARE

STRAGE DI BOLOGNAC’e’ un appuntamento, quello del lunedi’ alle ore 20.50 al Campo di Atletica, che e’ diventato un punto fisso per i podisti della Citta’, si e’ partiti il 24 giugno quando l’Amatori Podistica Terni lo lancio’ con l’adesione di 12 appassionati dei vari gruppi sportivi, settimana, dopo settimana il movimento e’ cresciuto e si e’ arrivati a ieri sera con piu’ di 100. Questa volta si e’ scelto di dare anche un significato culturale oltre che sportivo al ritrovo : commemorare la data del 2 agosto per non dimenticare quella immane tragedia consumatasi alla Stazione di Bologna il 2 agosto 1980 quando una bomba fece strage di tanti innocenti cittadini compreso il nostro concittadino Sergio Secci. Un impegno che il mondo del podismo ha sempre onorato da ben 33 anni partecipando nel tempo a tante iniziative in varie parti d’Italia, un impegno spesso sofferto ma sempre vissuto con grande partecipazione e teso a trasmettere sentimenti di pacificazione affinché fatti di questo genere non vengano più a ripetersi.

E così, lunedì sera alle ore 21,00, ben 120 podisti hanno preso il via dal Campo Scuola pronti per affrontare un’allenamento per le vie della città, un giro da 7,5 km corso rispettando rigorosamente il codice della strada, sui marciapiedi e lungo la pista ciclabile in via Bramante. Un impegno suggestivo, in una serata calda, sotto un cielo stellato, vissuto da tutti con grande partecipazione nella consapevolezza che solo una presa di coscienza personale dei tanti tragici fatti che ciclicamente colpiscono le nostre comunità, ci possano dare gli strumenti necessari per vivere una quotidianità senza violenze e sopraffazioni.

Certo il colpo d’occhio nel vedere questo straordinario variopinto gruppo di podisti e camminatori partecipanti all’iniziativa, appartenenti a tutti i gruppi ternani, è davvero di grande impatto emotivo anche perché in tutti si è sentita e viva e sincera questa partecipazione. L’iniziativa ha commosso anche la signora Lidia Secci la madre di Sergio, la quale, pur alla sua non più giovane età, non lesina ancora forte impegno per ricordare il suo amato Sergio. Lidia Secci, venuta a conoscenza della proposta della corsa per la città, si è congratulata per questa iniziativa che per la prima volta ricorda Sergio Secci nella comunità ternana.

Questo allenamento collettivo ha confermato, ancora una volta, la vocazione degli sportivi ternani ad essere, non solo promotori di una corretta pratica sportiva all’insegna dell’amicizia, ma anche importante punto di riferimento per tutte quelle iniziative legate a alle vicende che interessano la nostra comunità e il sociale in generale.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*