TERNI, CIP UMBRIA, SUCCESSO PER IL PRIMO CORSO PER OPERATORE PARALIMPICO

Corso Ternidi Luana Pioppi
TERNI – Grande successo per la prima edizione del Corso di Formazione per Operatore Paralimpico, che si è tenuto a Terni, presso il Centro per l’autonomia umbro, dal 18 febbraio all’11 marzo 2014. L’iniziativa, gratuita e la prima a livello italiano, è stata organizzata dal Cip (Comitato Italiano Paralimpico) Umbria in collaborazione con la Scuola dello Sport Coni Umbria, il Comune di Terni, l’Inail – Direzione Regionale Umbria, l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria, il Centro per l’autonomia Umbro e la Federazione Italiana per il superamento dell’handicap Umbria.

Martedì 11 marzo, in occasione dell’ultima giornata di lezioni, sono stati consegnati 36 attestati di riconoscimento ai partecipanti al corso. Erano presenti i massimi dirigenti dello sport umbro, dell’Inail e della Fisf tra cui: Francesco Emanuele, presidente Cip Umbria e vice presidente della Scuola dello Sport del Coni Umbria; Domenico Ignozza, presidente Coni Umbria e della Scuola dello Sport del Coni Umbria; Moreno Rosati, vice presidente Coni Umbria; Stefano Desantis, delegato Cip provincia di Terni; Franco Falcinelli, presidente onorario della Federazione Pugilistica Italiana, vice presidente Aiba e presidente della Confederazione Europea.

Durante la cerimonia di consegna degli attestati, l’organizzatore dell’iniziativa, Stefano Desantis, ha sottolineato «l’importanza del corso, utile per migliorare il lavoro svolto in ambito sportivo dai docenti scolastici, dagli istruttori sportivi e dagli assistenti sociali attraverso la conoscenza a trecentosessanta gradi della materia della disabilità. A partire dalle leggi di riferimento per proseguire con gli aspetti medici, sociali e ambientali, la classificazione della stessa, le protesi e gli ausili per favorire lo sport, i concetti del progettare per tutti e l’accessibilità agli impianti sportivi, gli sport praticabili, il ruolo nella formazione e nell’orientamento dei ragazzi con disabilità della scuola, delle società sportive e degli enti di promozione fino a concludere con l’avviamento allo sport».

Il presidente del Cip Umbria, Francesco Emanuele, invece ha parlato della «volontà di investire su Terni con una programmazione protesa a garantire il diritto allo sport per tutti, producendo conseguentemente una serie di sinergie con gli enti locali ed Inail tramite convenzioni e protocolli d’intesa». Durante il suo intervento, Emaunele ha confermato la «necessità di aprire in città uno sportello informativo per l’orientamento e l’avviamento alla pratica sportiva per tutte le persone con disabilità coinvolgendo la rete dello sport, del sociale e della scuola». In questo contesto il Cip Umbria si occuperà anche della valutazione dell’impiantistica sportiva e delle attività rivolte ai ragazzi delle scuole.

Il presidente del Coni Umbria, Domenico Ignozza, infine ha rimarcato la «necessità di mettere a disposizione dei territori impianti sportivi praticabili, di operare una ricognizione ed una mappatura delle barriere architettoniche da rimuovere per attivare un piano d’investimenti che deve coinvolgere tutti gli enti pubblici interessati, ognuno per la sua parte. Lo sport in Umbria, inoltre, deve essere uno ed unico senza distinzioni tra atleti con disabilità e normodotati. Da questo corso – ha sottolineato Ignozza concludendo il suo intervento – parte un segnale chiaro di una rinnovata collaborazione tra il Coni e il Cip che vedrà entrambi gli enti impegnati in un ulteriore corso, della durata di cento ore, organizzato dalla Scuola dello Sport del Coni Umbria».

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*