Stavolta ai Grifoni ha arriso anche la buona sorte, Spal battuta 1-0

Quando ormai il match sembrava avviato verso un desolante 0-0, è stato Nicastro ad imbroccare un gran colpo di testa

Stavolta ai Grifoni ha arriso anche la buona sorte, Spal battuta 1-0

Stavolta ai Grifoni ha arriso anche la buona sorte, Spal battuta 1-0

da Marco De Ciuceis

Bucchi, anche costretto dagli infortuni, continua a rivoluzionare modo di stare in campo ed interpreti e il risultato nella prima frazione di gioco è un Perugia assolutamente a corto di idee con lo schema 3-5-2. L’unico a trarre un po’ di giovamento da questo modulo è Samuel Di Carmine, un pochino più al centro della manovra offensiva, ma ad essere completamente un pesce fuor d’acqua è Zebli, cui si chiederebbe di fungere da regista.

Un ruolo che mal si adatta alle caratteristiche dell’ivoriano, tanto è vero che nella seconda parte del primo tempo i tre dietro di lui iniziano a lanciare lungo in proprio, evitando di coinvolgerlo nell’impostazione del gioco e, poi, Bucchi rinuncia del tutto all’esperimento, inserendo Nicastro e Bonaiuto per Di Carmine e Belmonte all’inizio della ripresa.

Il Perugia ha quindi buttato letteralmente via 45 minuti su 90, rischiando di subire un gol annullato a Finotto per un fuorigioco millimetrico, ma che probabilmente c’era, ma soprattutto un rigore grosso come una casa non concesso dal direttore di gara alla stessa punta ferrarese.

Nel secondo parziale, dicevamo, Bucchi ha avuto il grande merito di tornare all’antico, sconfessando l’esperimento mal riuscito, e, restituito agli antichi compiti, ciascun grifone ha saputo più compiutamente cosa fare. In più gli innesti di Acampora e Nicastro hanno aggiunto verve e corsa alle corde dei biancorossi.

A quel punto il Perugia ha iniziato a farsi pericoloso, fallendo anche un paio di buone opportunità e, quando ormai il match sembrava avviato verso un desolante 0-0, è stato Nicastro ad imbroccare un gran colpo di testa sul solito traversone dalla destra di capitan Del Prete.

Rispetto alle uscite precedenti, al Perugia stavolta ha arriso anche una certa buona sorte, cosa che non guasta mai, ma è difficile da schierare, diciamo così, in campo. Speriamo che la partita di stasera sia però un buon viatico per una ripresa di fiducia e di risultati da parte dei biancorossi, che tutto sommato lo meriterebbero anche.

 

Formazioni ufficiali
Perugia: Rosati, Del Prete Monaco, Volta, Belmonte (Buonaiuto 1’s.t.), Di Chiara, Dezi (Acampora 26’s.t.), Zebli, Brighi, Di Carmine (Nicastro 1’s.t.), Bianchi.
A disposizione: Elezaj, Imparato, Acampora, Ricci, Zapata, Chiosa, Alhassan, Nicastro, Buonaiuto.
Allenatore: Cristian Bucchi
Spal: Branduani, Gaparetto (Cerri 41’s.t.) , Arini, Cremonesi, Antenucci, Finotto (Zigoni 30’s.t.) , Castagnetti, Vicari, Del Grosso, Schiattarella (Mora 35’s.t.), Lazzari
A disposizione: Marchegiani, Giani, Spighi, Cerri, Grassi, Beghetto, Bonifazi, Zigoni, Mora.
Allenatore: Leonardo Semplici
Arbitro: Ivan Pezzuto di Lecce
Assistenti: Michele Grossi di Frosinone e Paolo Formato di Benevento
IV uomo: Alessandro Chindemi di Viterbo.
Marcatori: Nicastro 39’ s.t.
Ammoniti: Vicari
Espulsi: Semplici
Angoli: 7 – 2

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*