Primi d'Italia

Sir volley, il dolce risveglio di Perugia

Sir volley perugiaPERUGIA – Occhi stanchi, fisico provato, ma una gioia capace di far scoppiare il cuore! È stato questo il dolce, dolcissimo risveglio di Perugia dopo aver vissuto mille emozioni ieri sera grazie alle gesta della Sir Safety Banca di Mantignana. C’è il rischio di cadere nella banale retorica, ma davvero la vittoria di ieri sera in gara 2 di finale scudetto contro la Lube Macerata resterà negli annali dello sport perugino.

Per la bellezza e spettacolarità del match, sicuramente. Con due squadre a darsi battaglia per cinque set, con un livello di pallavolo da spellarsi le mani, con grandi interpreti negli ottantuno metri quadrati a mostrare muscoli e tecnica in ogni singolo scambio. L’emblema di tutto questo, quando già la fatica cominciava a farsi sentire, si è avuto nel tie break, sul 2-2 quando tutti i presenti hanno assistito da uno scambio impossibile da raccontare, fatto di bordate in attacco, grandi difese, splendide rigiocate e chiuso alla fine da Atanasijevic. Con i giocatori da entrambe le parti esausti a terra e con il palasport che assordava dagli applausi. Tutto semplicemente fantastico.

Ma agli annali va consegnato soprattutto il PalaEvangelisti! Una cornice di pubblico meravigliosa, uno scenario pazzesco, un clima che, ad un giorno di distanza, fa ancora tornare la pelle d’oca.

I Block Devils l’hanno spuntata, pareggiando una serie adesso tutta da giocare contro una grande Lube (lo si è visto con chiarezza anche ieri). Ma ieri sera ha vinto Perugia!

Il bello dei playoff, la Sir lo sta provando sulla propria pelle da ormai tre settimane, è che non sono concesse soste o voli pindarici perché c’è subito un altro match da preparare. E la sicurezza è che a Pian di Massiano Kovac ed il suo staff lo stanno già facendo in previsione di gara 3 ad Osimo in programma giovedì 1 maggio. Un altro incontro duro, durissimo per i bianconeri. Ma se c’è una cosa che non manca a questo gruppo di ragazzi è il carattere di ferro, la capacità di non dare mai per finita una partita, la volontà di far vedere a tutti che contro Perugia per vincere bisogna farlo più di una volta. Non è detto che basti, perché ovviamente Macerata ha così tante frecce nella sua faretra da mettere pensieri a chiunque e poi, non va dimenticato, c’è sempre il fattore campo che pende verso le Marche. Ma i Block Devils ci proveranno, perché vogliono proseguire a sognare con tutti i propri tifosi.

Il day after di gara 2 è dedicato al timoniere di questo meraviglioso gruppo. Insomma, senza tanti giri di parole, se la Sir ha questo carattere in campo, da qualcuno avrà pur preso. Vero Boban Kovac?

“Mah, può essere che sia così. Diciamo che qualcosa può mancare a questa squadra, ma non certo il carattere. In questi tre anni diversi giocatori sono cambiati, ma il carattere è rimasto lo stesso e questo è un dato di fatto. Bravi i ragazzi ad assumere la mentalità di questa società e di questa squadra”. E di questo signor allenatore, aggiungiamo noi.

Con Kovac si torna indietro di 24 ore per rivivere questa fantastica gara 2.

“È stata una partita forse con qualche errore di troppo, ma è normale perché in palio c’è lo scudetto. Quindi imprecisioni, tensione, tutto fisiologico davanti a così tanta gente. Noi però abbiamo giocato bene. Non dobbiamo dimenticarci che il terzo set lo stavamo vincendo e credo che la cosa più importante sia stata la reazione proprio al terzo parziale perso in quel modo. Nel quarto e quinto, con tutta la stanchezza del caso, siamo usciti alla grande, concentrati e determinati. Abbiamo dimostrato che in fondo non siamo stanchissimi e sulla nostra vittoria penso non ci siano dubbi”.

In campo si è vista una squadra feroce guidata da un grande, immenso capitano.

“Beh, Goran Vujevic è un campione. Dopo gara 1 era stanchissimo, però il giorno dopo è stato lui a “tirare” più di tutti in allenamento. E ieri in campo ha fatto cose fantastiche ed ha dimostrato che è un giocatore impressionante”.

La domanda è banale, ma caro Boban… che pubblico!

“Quello che verrà oggi a vedere l’allenamento, tre anni fa veniva a vedere le nostre partite! Ieri quando sono entrato in campo, sono rimasto dieci minuti a godermi quello spettacolo, girandomi più volte su me stesso. E pensavo: ma cosa siamo stati capaci di fare?”.

Quasi quasi c’era la voglia di cambiarsi e scendere in campo…

“Beh, questo proprio no, lascio spazio ai nostri giovani che sono bravi e belli e portano la gente al palazzetto!”, sorride Kovac.

Si torna seri in chiusura, perché gara 3 in quel di Osimo è già alle porte.

“Sarà un’altra battaglia. Durante l’anno siamo arrivati a limare il distacco in campo prima con Piacenza poi con Macerata ed ora saranno i dettagli a fare la differenza. Certo, un po’ di stanchezza c’è, ma grazie al mio staff siamo ben preparati e speriamo che il nostro cuore e la nostra voglia abbiano la meglio sulla fatica. Non molleremo mai un pallone e cercheremo di restare sempre attaccati in ogni set. Ci crediamo e ci proviamo!”.

 

PARTE LA PREVENDITA PER GARA 4

 

Scatta l’attesa prevendita per gara 4 di finale scudetto in programma al PalaEvangelisti domenica 4 maggio. La società di impegna a garantire il posto a sedere per tutti.

 

Prezzi dei tagliandi:

Poltroncine dietro i giocatori € 25,00

Poltroncine distinti (dietro il primo arbitro) € 20,00

Curve e secondi anelli € 15,00

Bambini dai 4 ai 7 anni € 1,00 (disponibilità massima 150 biglietti. Vendita fino ad esaurimento disponibilità. Prezzo valido solo per i settori delle curve e dei secondi anelli. Per poltroncine e distinti sarà necessario anche per i bambini il relativo biglietto intero )

 

I biglietti in prevendita saranno acquistabili nei giorni di martedì 29 aprile, mercoledì 30 aprile e venerdì 2 maggio dalle ore 15:30 alle ore 19:00, naturalmente fino ad esaurimento biglietti.

 

Questi i punti vendita:

PalaEvangelisti – Perugia

Outlet Sir Safety System – Santa Maria degli Angeli

 

Non verrà fatta prevendita online, nè sarà possibile prenotare i tagliandi. In prevendita si potranno acquistare massimo 5 biglietti a persona.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*