Sir Sicoma Volley Perugia contro Knack Roeselare in champions league

Giovedì alle ore 20:30 seconda giornata della Pool E al palaevangelisti

«Sir Sicoma Colussi Perugia - Volley Amriswil» Turno preliminare CEV Champions League

Sir Sicoma Volley Perugia contro Knack Roeselare in champions league  PERUGIA – Si prepara il PalaEvangelisti ad accogliere il primo atto casalingo della fase a gironi della Champions League! E si preparano anche i ragazzi della Sir Sicoma Colussi Perugia di coach Bernardi che giovedì sera (inizio ore 20:30, diretta su Fox Sport Plus, canale 205 della piattaforma Sky) affrontano per la seconda giornata della Pool E i campioni del Belgio del Knack Roeselare!

È una Perugia in grande condizione quella che si accinge ad affrontare il suo secondo ostacolo nella strada verso la qualificazione alla fase ad eliminazione diretta della manifestazione per club più importante e prestigiosa a livello europeo. Alle spalle dei Block Devils dieci vittorie consecutive tra campionato e coppa e, restando in ambito Champions League, l’esordio eccezionale ad Ankara con vittoria in tre set e momentaneo primo posto nel girone. Infatti nell’altro incontro il Roeselare ed il Belgorod si sono spartiti la posta in palio (successo al tie break dei russi) e quindi il match di dopodomani assume anche in chiave qualificazione grande importanza per Perugia che farebbe un bel passo in avanti in caso di affermazione da tre punti.

Ne è cosciente la squadra, che già da stamattina ha intrapreso la preparazione al match, e ne è cosciente lo staff tecnico che sta “visionando” l’avversario già da alcuni giorni per individuare caratteristiche di gioco e traiettorie offensive.

Giovedì sera alle ore 20:30 seconda giornata della Pool E ed esordio casalingo nella fase a gironi per la Sir Sicoma Colussi che ospita i campioni del Belgio del Knack Roeselare. Capitan Birarelli mette in guardia i Block Devils: “Sarà una partita complicata. Il Roeselare ed è una squadra coriacea, arcigna in tutti i fondamentali e con un sistema di gioco molto veloce, a differenza del campionato italiano dove le squadre sono più fisiche. Questo aspetto ci può mettere in difficoltà perché sarà una gara diversa da quelle che siamo abituati a giocare” –

Lorenzo Bernardi valuterà in questi due giorni che mancano al match le condizioni fisiche dei ragazzi ed il recupero di Aleksandar Atanasijevic, assente domenica contro Padova, ma sulla via del completo recupero. “Mister Secolo” svilupperà oggi e domani le tematiche tattiche della sfida alla formazione belga, insistendo sull’importanza del servizio ed in generale sulla quadratura della fase break.

Il Roeselare, al comando dell’Ethias League nazionale e vincitore della Semifinale di andata della Coppa del Belgio, è infatti una formazione molto quadrata e compatta, di forte matrice belga (cinque dei sette probabili titolari sono appunto di nazionalità belga) e che pratica un tipo di gioco differente rispetto a quello del campionato italiano, molto veloce e pieno di combinazioni. I punti di riferimento principali della formazione sono l’opposto belga Tuerlinckx ed il martello polacco Orczyk.

Il primo, vecchia conoscenza del PalaEvangelisti avendo vestito la maglia della Rpa nella stagione 2007-2008, è un opposto “atipico”, non molto possente dal punto di vista fisico, ma estremamente tecnico e veloce e con una serie infinita di colpi d’attacco. Il ventitreenne Orczyk invece è certamente la prima uscita dei palloni alti e molto pericoloso anche dalla linea dei nove metri come dimostrano i 21 punti con 3 ace messi a segno nella prima giornata contro il Belgorod. Attenzione massima poi al centrale Coolman, molto servito in prima tempo ed abilissimo a muro (5 i punti nel fondamentale contro la corazzata russa).

Questo il Roeselare, per la prima volta nella sua storia di scena a Perugia, ma habituè dei palcoscenici europei. Ce lo presenta anche capitan Birarelli:

“Giochiamo in casa e per noi i tre punti in palio sono molto importanti. Sarà una partita complicata. Nella mia carriera ho già giocato contro il Roeselare ed è una squadra coriacea, arcigna in tutti i fondamentali e con un sistema di gioco molto veloce. Praticano un gioco diverso a quello cui siamo abituati, più veloce e meno fisico, a differenza del campionato italiano dove le squadre sono più fisiche, come noi del resto. Questo aspetto ci può mettere in difficoltà perché sarà una gara diversa da quelle che siamo abituati a giocare”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*