Sir Safety, dopo il successo in gara 1 contro Cuneo, si tuffa subito nel match di domenica

p511871173-6(umbriajournal.com) PERUGIA – Buona la prima! Il gergo del cinema si adatta a meraviglia alla Sir Safety Banca di Mantignana Perugia. I Block Devils con il successo di ieri per 3-1 sulla Bre Lannutti Cuneo si sono portati in vantaggio nella serie dei quarti di finale e domenica, al Pala Bre Banca, hanno l’opportunità di staccare il pass per le semifinali scudetto. Sarà una battaglia dopodomani contro la coriacea formazione di coach Piazza che ieri sera ha dimostrato a più riprese di avere ottime qualità tecniche ed un gioco in grado di mettere in difficoltà chiunque.

È stato un crescendo invece il match dei bianconeri, partiti nel primo set con il freno a mano tirato, ma poi capaci di esaltare il folto pubblico del PalaEvangelisti con il proprio sistema di gioco spettacolare ed al tempo stesso estremamente efficace e concreto. Nei playoff è buona regola resettare subito tutto e questo dovranno fare i ragazzi capitanati da Goran Vujevic. Non c’è tempo per assaporare la vittoria di ieri e per cullarsi sugli allori, tra quarantotto ore si torna in campo per un’altra gara al calor bianco. Rimane del match di ieri sera l’ottima prova corale della squadra, in particolare in battuta, ma anche in ricezione ed in contrattacco. Rimane lo splendido capitan Vujevic, un condensato di pallavolo

. Rimane un grande Atanasijevic, 28 punti, il 68% in attacco, zero errori e due sole murate subite (peraltro entrambe nel primo set). E rimane soprattutto lo splendido colpo d’occhio, per l’ennesima volta in questa stagione, del PalaEvangelisti, gremito di supporters bianconeri nonostante il giorno infrasettimanale e vero uomo in più della Sir. E mentre il tifo organizzato sta organizzando la lunga trasferta di domenica per essere vicina ed incitare i propri beniamini anche nel difficile confronto in programma dopodomani, il punto della situazione lo fa il tecnico di Perugia Boban Kovac: “È stata un gara molto intensa, niente di strano, siamo ai playoff!”.

Sono queste le prime parole di Kovac che entra poi nella disamina tecnica di gara 1.“Siamo partiti contratti, un po’ tesi. I playoff, lo sappiamo, sono un campionato a parte e tutti vogliono esprimersi al meglio. Cuneo ha cominciato molto bene, noi invece faticavamo a carburare e ad esprimere il nostro gioco. Poi dal secondo set ha iniziato a funzionare la battuta, dove con diversi filotti abbiamo fatto la differenza, a muro ed in generale in fase break siamo stati più ordinati e l’alta percentuale in contrattacco, con pochissimi muri subiti, ci ha consentito di tenere sempre il vantaggio nei vari parziali”. Diverse le note positive per Kovac. “Goran (Vujevic, ndr) è rientrato al meglio. Sta bene e lui per noi è un giocatore importantissimo.

Sono contento anche della bella prova di Atanasijevic che soprattutto in attacco è stato bravissimo. Ma l’aspetto più bello secondo me è il fatto che, di giovedì sera, c’era un palazzetto pieno ed un ambiente molto bello che ci ha spinto ad una grande vittoria”. Vittoria da archiviare in fretta. Domenica si torna a ballare per gara 2 nell’ostica trasferta di Cuneo. “Cuneo certamente se la giocherà al massimo. Abbiamo visto anche ieri sera che sanno giocare una buona pallavolo, commettono pochi errori e con Gonzalez in campo hanno qualcosa in più in battuta ed a muro. Sono dell’avviso che noi possiamo giocare ancora meglio, ma sappiamo che sarà difficile in casa loro, come lo è stato già nella prima di regular season.

Dobbiamo subito cancellare tutto e concentrarci per andare a Cuneo per cercare di vincere”. Kovac è tecnico che non guarda mai più in là della prossima gara. Domenica, in caso di vittoria, si spalancherebbero ai Block Devils le porte della semifinale, ma il tecnico bianconero punta l’attenzione più su un altro aspetto. “Sappiamo che la partita è importante e che ci può dare la semifinale. Ma il discorso è un altro. Abbiamo visto anche ieri sera come nei playoff ci sia grande equilibrio e come ogni squadra dia il massimo. Per questo dobbiamo soprattutto pensare e cercare di giocare bene perché solo così può arrivare il risultato. Adesso, ancor più che in campionato, l’importante è solo vincere”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*