Sir Safety, ad un passo dal sogno, ora domenica riempiamo il Palaevangelisti

I Block Devils sfiorano il nuovo colpo all’Eurosuole Forum arrivando ad avere due match point nel quarto set

Sir Safety, ad un passo dal sogno, ora domenica riempiamo il Palaevangelisti
Gara 4 Quarti di Finale Play off Campionato Italiano di pallavolo maschile Serie A1 SuperLega UnipolSai 2015/16. PalaEvangelisti Perugia, 27.03.2016

Sir Safety, ad un passo dal sogno, ora domenica riempiamo il Palaevangelisti

PERUGIA – Il terzo round di questa incredibile serie di semifinale scudetto se lo aggiudica, dopo quasi due ore e mezzo di gioco, la Lube Civitanova. Non riesce alla Sir Safety Conad Perugia il colpissimo all’Eurosuole Forum. E sì che i Block Devils ci vanno davvero vicino! I ragazzi di Boban Kovac giocano forte, combattono palla su palla, arrivano a conquistarsi due match point nel finale di quarto set, gettano il cuore oltre l’ostacolo anche nel tie break ed alla fine, con tutta l’amarezza di una sconfitta per un soffio, escono dal campo tra gli applausi dei seicento Sirmaniaci presenti a Civitanova. Una meraviglia davvero il pubblico perugino che ha dato spettacolo sugli spalti dell’impianto marchigiano cantando, saltando e soffrendo insieme ai ragazzi in campo.

È stato match da playoff stasera in casa Lube. Duro, combattuto, nervoso (doppio cartellino rosso per De Cecco e Christenson), con errori e grandi giocate da ambo le parti. Con Perugia avanti prima 0-1 e poi 1-2, con i padroni di casa capaci di recuperare due volte. Con due palle per la finale annullate dalla qualità dei padroni di casa. Con i Block Devils che reggono punto su punto nel tie break. Con il verdetto che dice Lube.

Ci sta, ovviamente. Juantorena e Priddy hanno sorretto l’attacco di casa. In particolare l’italo-cubano si è caricato sulle spalle tutti i palloni pesanti chiudendo con 27 punti. Stessa situazione nella metà campo bianconera con Atanasijevic e Russell (25 e 21 palloni vincenti) che hanno dato sicurezza alla regia di De Cecco.

Difficile dire dove si sia decisa la contesa. In gare del genere un pallone, un video check, un colpo di genio o un colpo di fortuna fanno la differenza. C’è di buono, perché stasera risultato a parte c’è molto di buono, che i Block Devils hanno giocato. A tratti bene, in altri benissimo, in alcuni meno. Ma hanno giocato, dimostrando di avere le qualità per fare pallavolo a testa alta contro la regina della SuperLega.

C’è di buono che la serie non è ovviamente terminata e che i bianconeri sono ancora avanti due partite ad una. E c’è di buono che domenica, in una gara 4 che mette già l’acquolina in bocca, si giocherà al PalaEvangelisti!

Ai ragazzi il compito di recuperare energie e di caricarsi a dovere. A Perugia quello di far sentire cosa vuol dire giocare a Perugia! Dove c’è sempre grande passione e correttezza, ma dove si fa fatica a parlare in campo, dove ad ogni punto dei ragazzi di Kovac si scatena il pandemonio, dove ad ogni attacco vincente di Birarelli e soci tremano le volte del palazzetto. La Sir si gioca tantissimo domenica, si parla “solo” di accesso alla finale scudetto. E deve avere al suo fianco tutta la città!

IL TABELLINO
CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA-SIR SAFETY CONAD PERUGIA 3-2
Parziali: 22-25, 25-18, 14-25, 27-25, 16-14
Durata Parziali: 30, 26, 28, 33, 24. Tot.: 2h 21’
CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA: Christenson 5, Fei 7, Podrascanin 6, Cester 9, Juantorena 27, Priddy 15, Grebennikov (libero), Miljkovic 6, Cebulj, Stankovic 6, Vitelli, Corvetta, Kovar . All. Blengini, vice all. D’Amico.
SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 4, Atanasijevic 25, Birarelli 5, Buti 6, Kaliberda 10, Russell 21, Giovi (libero), Elia 1, Fanuli, Dimitrov. N.E.: Tzioumakas, Fromm, Holt. All. Kovac, vice all. Fontana.
Arbitri: Daniele Rapisarda – Andrea Puecher
LE CIFRE – CIVITANOVA: 18 b.s., 9 ace, 62% ric. pos., 39% ric. prf., 46% att., 8 muri. PERUGIA: 11 b.s., 5 ace, 39% ric. pos., 24% ric. prf., 51% att., 6 muri.

1 Commento su Sir Safety, ad un passo dal sogno, ora domenica riempiamo il Palaevangelisti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*