Silvia Rossit scuote la 3M Perugia

Si chiude il girone di andata con la trasferta a Figline Valdarno dove la 3M Perugia affronterà domenica 22 gennaio, fischio di inizio ore 17.30, la Valdarninsieme Castelfranco. La formazione toscana è una neopromossa ed ha il suo punto di forza nel collettivo che è rimasto praticamente invariato rispetto la vittoriosa stagione precedente in serie C. La guida tecnica è restata nelle mani della coppia Simone Bianchi e Roberto Sordi, una coppia ha saputo infondere alla squadra quella carica agonistica giusta, tanto da consentirle di terminare diversi match al tie-break. Ultimamente ha dovuto fare a meno dell’opposto Celli per infortunio, di cui non è certa la presenza, la probabile formazione vedrà Poggesi in regia, Bonciani e Chierici centrali, Sammartano e Butnaru (o Mandò) in banda e Migliorini opposto. Per le perugine una gara da affrontare con le molle nonostante la migliore posizione di classifica, troveranno una squadra affamata di punti. Certo coach Marangi potrà contare sul rientro della centrale Pero e ma non sull’ultima arrivata Valentina Ciacca (centrale), con un passato già a Perugia con la Gecom, che necessita di ritrovare la necessaria forma dopo un periodo di inattività. Sicura l’assenza di Simona Fiorucci, ancora ai box per problemi fisici. “Non è un bel periodo – ci tiene a precisare il capitano biancorosso Silvia Rossit -. Gli infortuni e qualche influenza non ci consentono di lavorare al meglio in settimana e anche sul piano del rendimento, siamo un po’ calate. E’ vero, abbiamo affrontato partite difficili, ma ad inizio stagione l’impatto con la partita era diverso. E’ come se ci siamo un po’ cullate sui buoni risultati della prima parte di stagione. Il bilancio del girone d’andata è buono, ma già dalla sfida di domenica dovremo tornare a fare punti, perchè siamo in zona rossa e non possiamo più perdere terreno. Massimo rispetto per le avversaria, ma se vogliamo migliora la nostra classifica dobbiamo riportare punti pesanti”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*