Settebello italiano nella Coppa del Mondo di Lucerna

DSC_8099(umbriajournal.com) LUCERNA – Con sette barche in finale (sei barche olimpiche più una non olimpica) sulle 11 presenti a Lucerna, più il due senza dell’Aniene, l’Italia chiude la seconda giornata di gare di Coppa del Mondo con un bilancio più che positivo. Le barche che domani disputeranno la finale B hanno, in ogni modo, dimostrato combattività e voglia di riscatto. In finale Romano Battisti e Francesco Fossi (Fiamme Gialle) che oggi sono arrivati secondi dietro alla Lituania nel recupero del doppio senior. Grande prestazione del quadruplo femminile di Laura Schiavone (CC Irno), Giada Colombo (SC Tritium), Sara Magnaghi (SC Moltrasio) e Gaia Palma (Sisport Fiat) che hanno vinto il proprio recupero davanti a Bielorussia e Olanda.

Prova maiuscola per il giovane e rinnovato quattro senza senior di Matteo Lodo, Paolo Perino, Mario Paonessa, Giuseppe Vicino (Fiamme Gialle) che si è piazzato in seconda posizione dietro agli Stati Uniti e davanti all’Australia. Vittoria autorevole delle campionesse europee Elisabetta Sancassani e Laura Milani (Fiamme Gialle), che hanno vinto la semifinale del doppio leggero femminile davanti a Nuova Zelanda e Olanda nonostante una partenza molto lenta. Nel doppio pesi leggeri uomini la coppia Andrea Micheletti (C Gavirate) e Pietro Ruta (Marina Militare) ha vinto continuando a convincere per aver fatto registrare il miglior tempo delle due semifinali. Nel due senza successo della barca costruita a Piediluco, e formata da Marco Di Costanzo (Fiamme Oro) e Matteo Castaldo (RYCC Savoia), che ha vinto battendo i serbi Nenad Bedik e Nikola Stojic campioni Europei in carica.

Nella seconda semifinale l’armo dell’Aniene, di Giuseppe De Vita e Andrea Palmisano, chiude al quinto posto e disputerà la finale B domattina. In finale B, per aver mancato la finale, anche l’otto senior piazzatosi al quinto posto – ne passavano quattro – a poco più di tre secondi dalla Gran Bretagna che ha vinto il recupero. Con questo risultato, e lavorando per i due anni che ha davanti a sé, anche l’ammiraglia potrebbe guardare a Rio 2016 con la possibilità di tentare la qualificazione. Al quinto posto, e quindi fuori dalla finalissima, il quattro senza pesi leggeri di Stefano Oppo (SC Firenze), Paolo Di Girolamo (Fiamme Gialle), Guido Gravina (RCC Cerea) e Giorgio Tuccinardi (Forestale), che ha probabilmente pagato lo sforzo di aver sostenuto ieri un recupero peraltro molto duro.

Fuori dalla finalissima, a sorpresa, anche il quattro di coppia uomini di Matteo Stefanini, Simone Raineri, Simone Venier (Fiamme Gialle) e Luca Rambaldi (SC Padova), mai entrati in gara per le posizioni valide per passare il turno. Per quanto riguarda, invece, le finali di oggi, riservate alle specialità non olimpiche, è da registrare il sesto posto del due senza leggero di Francesco Schisano e Vincenzo Serpico (CN Stabia), nella regata vinta dalla Gran Bretagna, oro, davanti a USA, argento, e Spagna bronzo. Secondo posto in finale B, ottavo assoluto, per la singolista leggera Giulia Pollini (SC Cernobbio) artefice di una gara molto combattiva.
Domani, con inizio alle ore 8.45, si disputeranno le finali B e dalle ore 10.22 alle ore 14.48 le finali A. Diretta Rai su RAI Sport 1 dalle 10.20 alle 11.35 e dalle 13.00 alle 15.00.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*