LA SAN MARIANO VOLLEY PUNTA AL “DOUBLE”

graficonsul San Mariano(Uj.com 3.0) PERUGIA – La Polisportiva San Mariano punta ad un’altra stagione di successi. Dopo aver sfiorato il titolo regionale con la formazione under 16, sconfitta in finale da Metalmeccanica Umbra Marsciano, la società presieduta da Catia Loletto cerca il primato umbro, sia con la formazione under 18, che con le più giovani dell’under 14. Quest’ultime, domenica scorsa si sono aggiudicate il titolo provinciale battendo la Vis Fiamenga Foligno e a distanza di una settimana si troveranno nuovamente di fronte la formazione folignate per il titolo regionale. Nelle semifinali, infatti, la San Mariano Italtech ha sconfitto Todi (3-1) sul neutro di Ponte Felcino, mentre la Vis Fiamenga ha liquidato (3-0) il sestetto ternano del Colleluna Volley. L’appuntamento è per domenica 18 maggio alle ore 19 presso la palestra dell’istituto Capitini a Perugia. Un paio di ore prima e sempre sullo stesso parquet, toccherà alla San Mariano Flaminia Sud, formazione di under 18, nata dalla collaborazione tra la polisportiva corcianese e la Monini Spoleto, tentare di conquistare lo scettro regionale contro Narni Volley. La San Mariano Flaminia Sud arriva a questo appuntamento dopo il successo nella finale provinciale ottenuto lo scorso 25 aprile contro la Samer Marsciano. “Siamo molto soddisfatti – ci tiene a precisare la Presidente Loletto – di aver raggiunto questi traguardi e di vivere una giornata così emozionante, con due squadre impegnate in una finale regionale. Per questo ci teniamo a ringraziare i tecnici Scaccia, Urbani, Sperandio e Castellini, che hanno dato un contributo molto importante in termini di professionalità ed impegno. Peccato, per la sconfitta in finale dell’under 16, ma il bilancio di stagione resta comunque molto positivo”. Il tutto, senza dimenticare che la formazione under 14 ha già raggiunto la fase nazionale nel campionato Csi e l’under 12 si sta giocando, con buone chance, il titolo provinciale nel campionato Fipav.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*